Le storie

Malattia di parkinson (morbo)

Ospedale Luigi Sacco, Milano

Mi è stata confermata la diagnosi nel febbraio 2016 a seguito esami genetici prescritti da neurologo ( settembre 2015) sulla base di una anamnesi clinica ventennale a cui nessun medico ha saputo dare un nome. Visto il mio malessere ventennale ho capito di avere qualcosa di particolare giá da tempo. Ho finalmente dato una precisa identità al mio malessere. Anche se vederlo scritto nero su bianco mi ha dato, da un lato sollievo ma dall altro aumentato le mie paure. Attualmente sono in fase " terapia più... Leggi tutta la storia di Adry

Bulimia

Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

A dire il vero per molto tempo mi è stato difficile capirlo. Credo di avere iniziato a soffrire di bulimia intorno ai 15 anni, ma solo a 22 anni ne ho preso coscienza. Mi sono iscritta a Psicologia, e ovviamente ho dovuto studiare anche i disturbi alimentari: solo a questo punto mi sono ritrovata nelle descrizioni della bulimia, e ho iniziato a mettere in dubbio quello che era stato sino a quel momento il mio rapporto con il cibo e con il mio corpo. Era difficile capire la mia situazione da fuori, perché non... Leggi tutta la storia di Miriam

Apnea

Ho scoperto di soffrire di questo disturbo solo da pochi mesi. La mia compagna mi ha fatto notare che russavo molto; a posteriori ho capito che probabilmente ne soffrivo da chissà quanti anni, principalmente a causa di un difetto congenito alla mascella. Mi sono così rivolto all’Ospedale Complesso Integrato Columbus di Roma, al reparto di pneumologia, ma non mi sono trovato bene. Successivamente mi sono fatto visitare da un otorino, che mi ha sottoposto a una risonanza magnetica e a una TAC per verificare... Leggi tutta la storia di Luca

Anoressia nervosa

Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Il mio disturbo si è manifestato in modo atipico. Non ho mai avuto problemi di linea, sono sempre stata piuttosto magra e fissa da tempo su un certo peso. Un’estate di 7, 8 anni fa, però, sono ingrassata di un chilo e mezzo. Mi rendo conto che si tratta di poca cosa, ma allora la presi malissimo; non mi sentivo più a mio agio, non mi riconoscevo più. Incominciai così una dieta, che però mi prese la mano, facendomi perdere più chili del dovuto e portandomi a un blando sottopeso. Capii però che dietro... Leggi tutta la storia di Susanna

Anoressia

Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Ho capito di avere un problema 3 anni fa, anche se il mio rapporto con il cibo ha iniziato a cambiare quando avevo appena 13 anni e mezzo. Ero un po’ in sovrappeso e, spinta anche da mia madre, avevo iniziato una dieta. Negli anni seguenti ricordo di avere incominciato a sentirmi un po’ persa; io, che sono una perfezionista, mi iniziavo a scontrare con le prime difficoltà scolastiche, e cercavo di incanalare la mia voglia di controllo su ciò che mangiavo. Mi sono rivolta inizialmente a una nutrizionista,... Leggi tutta la storia

Bulimia

Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

I disturbi alimentari si sono affacciati nella mia vita quando avevo 15 anni e dovetti smettere di giocare a calcio a causa di vari infortuni. In un primo momento, in realtà, i problemi si sono incanalati in un comportamento anoressico. Smisi di mangiare con la mia famiglia, saltavo i pasti e dimagrii. Mia mamma, preoccupata, mi portò così all’Ospedale San Gerardo di Monza. Presto il comportamento si trasformò in bulimia, per diversi anni continuai ad abbuffarmi ed a praticare sport compulsivamente, assumendo... Leggi tutta la storia di Silvia

Disturbi alimentari

Più che la perdita di peso e l'assenza di mestruazioni direi la sensazione di non stare vivendo, tutto il giorno tutti i giorni dalla mattina fino a un minuto prima di chiudere gli occhi penso al cibo, al calcolo delle calorie per non salire di peso ma nemmeno scendere perchè più di cosi non voglio! Vengo trascinata dal disturbo come se fosse vento che mi sposta, non è vivere questo credo si avvicini di più a sopravvivere! All inizio non me ne rendevoconto, è il mio corpo che me lo ha fatto notare! per... Leggi tutta la storia

Apnea

Ospedale Niguarda, Milano

Sono arrivato a capirlo da svariati sintomi: avevo costante bisogno di dormire, mi sentivo sempre stanco, non riuscivo a guidare per oltre 40 minuti di fila e iniziavo a soffrire di disturbi erettili che compromettevano la vita sessuale con mia moglie. Era il 1994, vivevo in Germania, a Francoforte sul Meno, e decisi di recarmi in ospedale per sottopormi ad accertamenti; rimasi ricoverato per 4, 5 giorni. La prima notte che trascorsi in ospedale dormii filmato da una telecamera a raggi infrarossi; l’ultima... Leggi tutta la storia di Enrico

Disturbi dell'alimentazione

Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Ho intuito io che qualcosa non andava sin dall’adolescenza, che il mio eccesso di peso si accompagnava a un disagio psicologico. Nel momento in cui ho preso in mano la situazione e iniziato un percorso di cura, ho provato un grande sollievo. Prima di rivolgermi al centro in cui sono stata seguita, temevo che il mio problema fosse irrisolvibile. Al San Paolo sono stata seguita con terapie orientate a risolvere il mio problema sul piano fisico e psicologico; non solo, quindi, sono riuscita a perdere 40 chili,... Leggi tutta la storia di Rosanna

Anoressia nervosa

Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Ho capito di avere bisogno di aiuto grazie alla mia famiglia. Io ero restia ad ammettere di avere un problema, anche se, di mia spontanea volontà, mi ero rivolta in alcune occasioni alla psicologa della mia scuola. Solo dopo, nel maggio del 2013, i miei familiari mi hanno convinta a rivolgermi all’Ospedale San Paolo di Milano: qui mi sono rivolta allo sportello di accoglienza dell’ambulatorio dedicato alla cura dei disturbi del comportamenti alimentare. Inizialmente sono stata supportata da uno psicoterapeuta... Leggi tutta la storia

Diabete mellito

Azienda Ospedaliera "G. Brotzu", Cagliari

Sono arrivato alla diagnosi in maniera casuale, quando avevo 16/17 anni. In quel periodo della mia vita praticavo atletica leggera ad alti livelli; in famiglia, del resto, siamo tutti sportivi visto che mio padre è stato il mio allenatore e mio fratello sarebbe diventato, in seguito, atleta olimpionico partecipando alle Olimpiadi di Atene 2004. Era i novembre del 1989 e fui chiamato per partecipare ad un raduno della nazionale Italiana di Atletica Leggera, di categoria, nella specialità dei 110 ostacoli. Come... Leggi tutta la storia di Riccardo

Anoressia nervosa

Da circa quattro anni erano diventati evidenti reazioni esagerate ed incontrollate ad ogni minimo stimolo; scatti di rabbia, perdita totale del controllo in situazioni di stress e cambi repentini ed improvvisi di umore. Circa un anno e mezzo fa, dopo un ricovero nel reparto di neurologia, l'anoressia iniziò a divorarmi ( quei meccanismi anoressici c'erano sempre stati nella mia mente, ma fino a quel momento ero riuscita a tenerli per me, un patto segreto tra me e quella maledetta voce). Questa situazione... Leggi tutta la storia di Giorgia

Anoressia nervosa

La mia è una storia complicata nel senso che, prima di ammalarmi di anoressia, mi sono fatta tre anni buoni di tossicodipendenza. Quando avevo 14 anni, nell’Estate fra la 1^ e la 2^ superiore, ho iniziato a lavorare nel bar che gestiva il papà di un mio amico: era una specie di lavoretto estivo che svolgevo in maniera non propriamente ufficiale, data la mia età, ma che mi consentiva comunque di guadagnare qualche spicciolo per soddisfare i miei sfizi. Mentre lavoravo in questo bar, una sera è venuto... Leggi tutta la storia di Jonny

Tumore maligno della mammella

Ospedale SS. Filippo e Nicola, Avezzano

Ho, per caso, avvertito un nodulino al seno dx. In pochi giorni eco mammaria ago aspirato e citologico che consigliava un intervento chirurgico. Alla mammografia non era visibile. All'inizio tranquilla.. Ho fatto il primo intervento con la speranza che fosse benigno. Quando ho avuto l' istologico e la certezza di malignitá e della necessitá di fare una mastectomia radicale bilaterale..volevo sparire e non fare nulla. Sapevo che il percorso sarebbe stato lungo e doloroso. Poi ho piegato il capo x amore della... Leggi tutta la storia di Alessandra

Anoressia nervosa

Casa Di Cura Privata Parco Dei Tigli S.r.l., Teolo

I disturbi alimentari entrano silenziosamente a far parte della tua vita. Tendenzialmente non te ne accorgi immediatamente perchè la malattia ti fornisce tutte le giustificazioni del caso per portare avanti il suo intento. Io ho ammesso di stare male quando mi sono ritrovata su un letto di ospedale dove in gioco c'era la mia stessa vita. Quando soffrivo di anoressia nervosa mi sentivo estremamente sicura di me stessa. Sfoggiavo un'arroganza ed un'indifferenza verso chi mi stava intorno disarmante. Ovviamente... Leggi tutta la storia di Giulia

Bulimia

Ospedale di Bressanone, Bressanone

I miei problemi con l’alimentazione sono iniziati alle scuole superiori. Ho a poco a poco iniziato a sentirmi a disagio con me stessa e col mio corpo, e da qui è nato l’impellente bisogno di “fare qualcosa” per migliorare la situazione: se mi fossi sentita meglio nella mia pelle, forse la situazione sarebbe migliorata. Così ho iniziato ad adottare un'alimentazione ridotta e del tutto scorretta scelta di testa mia, e all’inizio mi sembrava “la panacea”, mi sentivo come se davvero quella potesse... Leggi tutta la storia di Wolfie

Anoressia nervosa

Villa dei Pini, Firenze

Per quanto sul momento non fossi ovviamente pronta ad ammetterlo, fin da subito ho avuto la consapevolezza che la scelta di restringere l'alimentazione era tutt'altro che salutare, ma allo stesso tempo era anche ciò di cui in quel periodo necessitavo psicologicamente, perchè rispondeva ad un mio bisogno di controllo. La mia principale spinta verso l’anoressia, infatti, è stata proprio il bisogno di avere tutto sotto controllo. Io volevo avere il controllo assoluto. Su tutto. Su ogni singolo aspetto della... Leggi tutta la storia di Veggie

Oligoidramnios

IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

Credevo che la gravidanza stesse procedendo normalmente, alla visita di controllo alla 38 settimana però il ginecologo ha notato una riduzione del liquido amniotico tale da determinare l'induzione del parto per il giorno stesso. A posteriori mi rendo conto che c'erano dei "segnali" che se avessi interpretato correttamente potevano indicarmi prima che qualcosa non andava bene: nelle ultime 3 settimane non avevo messo neppure un grammo in termini di aumento del peso, la pancia sembrava non crescere più e sentivo... Leggi tutta la storia

Poliambulatorio Asl, Oristano

La scoperta della malattia è stata casuale, è emerso durante un check-up routinario al quale mi sono sottoposto nel 2009, all’età di 59 anni. Mi è stata rilevata una glicemia superiore a 130; ho ripetuto il test a digiuno, e il valore è stato confermato: è stata una sorpresa, perché non ho mai patito i sintomi tipici della malattia, come sonnolenza in caso di iperglicemia e tremori in caso di ipoglicemia. Ripensando a qualche episodio di collassamento sopravvenutomi qualche anno prima, poteva trattarsi... Leggi tutta la storia di Andrea

Cancro al seno

Istituto Clinico Humanitas, Rozzano

Una semplice doccia... e poi una corsa dalla ginecologa!! Ho pianto tanto... E ho avuto paura ma la mia famiglia si è chiusa a scudo con me e insieme abbiamo affrontantato tutto.. La vera forza è stata il mio bambino, nel 2013 aveva quasi 5 anni e avere la sua mamma a casa, che lo andava a prendere a scuola, cose che purtroppo lavorando faccio pochissimo, per lui era motivo di estrema gioia.. E l'ha contagiata anche a me. Intervento di quadrantectomia. Poi 4 cicli di chemio "rossa" .. radioterapia e poi... Leggi tutta la storia di Mary

Cancro al seno

Ulss 12 Veneziana, Venezia

La prima volta che mi è stato diagnosticato il tumore al seno è stato in seguito a un periodo di forte stress: da 6 mesi io e mio marito ci eravamo lasciati. Era estate, e avevo notato un noduletto sul seno, ma ancora non mi ero sottoposta a mammografia, non avendo ancora compiuto i quarant’anni: ho effettuato così i necessari controlli. In agosto mi hanno operato ed è emerso che purtroppo il tumore era maligno: mi sono stati asportati 12 linfonodi Quando il tumore mi è stato diagnosticato per la prima... Leggi tutta la storia di Maria Rosaria

Sclerosi multipla

Fondazione Don Gnocchi - Centro IRCCS S. Maria Nascente, Milano

Ho avuto un paio di sintomi prima di andare fisicamente a farmi controllare. il sintomo che mi ha portato ad andare da un medico è stato un persistente formicolio alla mano sinistra, così persistente da chiamare la mia mano peso sociale. la mia reazione inizialmente è stata più positiva di quanto si potesse pensare, infatti è stato solo dopo più o meno un anno che ho veramente realizzato cosa mi fosse successo. intorno a me ho trovato persone magnifiche che mi accettano comunque per quella che sono, e... Leggi tutta la storia di Francesca