Casa di Cura Pio XI


Non possiamo dare un voto alle strutture private in quanto il Ministero della Salute non ne pubblica i dati di attività

1 Recensioni (non influenzano il voto)

E'' dal 2009 che mi avvalgo di questa clinica e devo dire che negli interventi del 2009, 2013 e 2017 la Clinica ha fatto la differenza. Ahimé purtroppo nel 2020 abbiamo dovuto sottoporre mio marito a due interventi ad agosto ed infine a dicembre.
Ottima assistenza in terapia intensiva, dove è stato ricoverato per 8 giorni, ma passato al reparto degenza ci siamo subito resi conto della scarsa qualità assistenziale (già ad agosto avevamo assaporato questa amara sensazione).
Mio marito purtroppo non è autosufficiente, per poterlo spostare dal letto alla poltrona necessita di un infermiere così come quando deve essere cambiato.
Il più delle volte bisognava sollecitarli a farlo, in quanto l''attesa era in media tra i 20-30-40 minuti ed è vergognoso che un paziente debba stare sui suoi bisogni seduto per tutto questo tempo, lete la sua dignità di persona.
Quasi 20 giorni di degenza in questa Clinica è costato un patrimonio, e la qualità del servizio non le merita proprio. Personalmente ho esposto alla madre dirigente che avrebbe dovuto aumentare il personale e garantire l''assistenza ai malati in tempi ragionevoli, lei mi esponeva sempre un organigramma con i numeri degli addetti..... Ma i malati non sono numeri ,sono persone, ed alcune di queste hanno bisogno di più tempo per essere assistite. Ecco perché invito questa struttura a valutare i malati cui bisogna dedicare più tempo affinché possano integrare del personale ed assicurare un OTTIMO SERVIZIO, le possibilità economiche a mio avviso non gli mancano.
Gli infermieri e tutto il personale sono sempre stati molto attenti nella cura di mio marito, ma il loro ritardo è da condurre solo allo SCARSA PRESENZA DI PERSONALE dedicato al piano (1° piano) venivano sempre con affanno nella mia stanza...corrono come matti nelle stanze degli infermi.
Ricordo con piacere e stima Arnaldo, Mirko, Pina, Susanna, Claudio, figlia di Pina.
Nel bagno un rotolo di carta igienica e mezzo (2 veli) che ti si rompe in mano; cibo non proprio buonissimo (la colazione era la più piacevole).
Spero possano prendere in considerazione la mia critica, affinché possa essere costruttiva.
Madre Maria Gay Tibau AMAVA SOLO CURARE IL MALATO ED AVEVA LA PRIORITA'' SU TUTTO.
Patologia Glioblastoma

Indirizzo

Casa di Cura Pio XI

via aurelia, 559 - roma (RM)
Contatta l'ospedale