Ospedale Santa Maria della Stella

4.7

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso sotto la media e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale poco specializzato che gestisce pochi pazienti o che ha tanti reparti poco specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.


1 Recensioni (non influenzano il voto)

Ho partorito in questo ospedale dopo essere stata ricoverata per rottura delle acque.
Dopo circa dodici ore dal ricovero, mi hanno applicato la cd.fettuccia per indurre il parto e le contrazioni sono partite quasi subito.
I dolori sono stati devastanti, ho supplicato per avere una epidurale ma non mi è stata fatta.
Ho quindi dovuto soffrire come un cane fino a quando è nata la mia bambina. Ero talmente provata che quasi non ho voluto vederla.
Durante l''applicazione dei punti per le lacerazioni ho chiesto anestesia e mi è stata fatta localmente. Ho sentito che il medico che stava procedendo con i punti aveva fatto chiamare l''anestesista che quindi, deduco, fosse allora presente nella struttura.
Finito il tutto, mi è stato chiesto se volessi la carrozzina per tornare nella mia stanza, come se fosse normale che una persona che ha appena partorito fosse in grado di camminare sulle sue gambe.

Detto ciò, non voglio (e non ne avrei le competenze) discutere sull''aspetto della professionalità dei ginecologi e delle ostetriche del reparto. Immagino che, tecnicamente, abbiano fatto tutto quello che dovevano e potevano fare.
Quello che è mancato non è stata la competenza, ma l''empatia.
Di fronte ai dolori insopportabili mi è stato detto semplicemente di calmarmi.
Certo che il parto è doloroso, ma viviamo nel 2020 e non nel 1800.
Ogni donna - in quanto paziente- dovrebbe avere diritto a non soffrire, se lo vuole. E'' mostruoso che non possa essere così.
Purtroppo, ho scoperto solo successivamente che la garanzia dell’analgesia epidurale rientra nei Livelli essenziali di assistenza (LEA) soltanto nelle strutture che garantiscono un numero di parti all’anno uguale o superiore a mille. Ed Orvieto non rientra tra queste. Per cui, la possibilità di avere l''epidurale non è garantita.
Ma quel che è peggio è che parlando con alcune ostetriche del reparto la possibilità di avere sollievo dal dolore del parto non era ritenuta così importante. "I dolori del parto sono gli unici che non sono legati ad una malattia", mi è stato detto. E quindi (conseguenza logica) DEVI soffrire. Che poi questo potrebbe FORSE essere accettato se fossimo davanti ad un vero e proprio parto naturale.
Ma un parto indotto non è un parto naturale. E quindi il dolore delle contrazioni è diverso, non c''era spazio per riprendersi tra una contrazione e l''altra.
Non è in programma avere altri figli, ma se mai ciò dovesse accadere andrò in un ospedale che garantisce i livelli essenziali di assistenza e che non considera i dolori devastanti di un parto (peraltro indotto e non naturale) conseguenze da sopportare e basta.
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

Indirizzo

Ospedale Santa Maria della Stella

- orvieto (TR)
Contatta l'ospedale