Fondazione Del Piemonte Per L'Oncologia

2.7

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso pessima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale piccolo e questo è generalmente negativo perché le strutture troppo piccole non sono sempre in grado di sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale poco specializzato che gestisce pochi pazienti o che ha tanti reparti poco specializzati.



Andamento del voto

3 Recensioni (non influenzano il voto)

Due oncologi che curano tumori del tratto gastrointestinale sono persone inqualificabili
Due oncologi che curano tumori del tratto gastrointestinale sono persone inqualificabili
Riferito al reparto di ONCOLOGIA
All’IRCCS di Candiolo posso sicuramente dire di aver conosciuto l’eccellenza in ambito sanitario. Sono stata operata al seno, sono stata sottoposta ad un mastectomia profilattica bilaterale, a causa della mia predisposizione genetica. L’intervento di mastectomia è stato magistralmente eseguito dal dott. Antonio Toesca, con tecnica robotica. Tale tecnica ha permesso di eseguire un intervento minimamente invasivo, con accesso ridotto dal cavo ascellare e con risparmio della cute e del capezzolo. La fase ricostruttiva è stata egregiamente eseguita dal dott. Riccardo Carnino, nel mio caso stato possibile un posizionamento delle pretesi prepettorale , senza mobilizzazione del muscolo pettorale. A distanza di due settimane dall’intervento posso già apprezzare il risultato, assolutamente naturale nell’aspetto.
Credo che questo tipo di approccio chirurgico ancora poco conosciuto rappresenti ormai il gold standard della chirurgia senologica.
Cosa non meno importante, ho trovato tanta umanità e comprensione da parte di tutto il personale medico. Consiglio vivamente questa struttura a tutte le donne che abbiano necessità di intraprendere un percorso di cura e prevenzione.
Grazia P.M, una paziente
All’IRCCS di Candiolo posso sicuramente dire di aver conosciuto l’eccellenza in ambito sanitario. Sono stata operata al seno, sono stata sottoposta ad un mastectomia profilattica bilaterale, a causa della mia predisposizione genetica. L’intervento di mastectomia è stato magistralmente eseguito dal dott. Antonio Toesca, con tecnica robotica. Tale tecnica ha permesso di eseguire un intervento minimamente invasivo, con accesso ridotto dal cavo ascellare e con risparmio della cute e del capezzolo. La fase ricostruttiva è stata egregiamente eseguita dal dott. Riccardo Carnino, nel mio caso stato possibile un posizionamento delle pretesi prepettorale , senza mobilizzazione del muscolo pettorale. A distanza di due settimane dall’intervento posso già apprezzare il risultato, assolutamente naturale nell’aspetto.
Credo che questo tipo di approccio chirurgico ancora poco conosciuto rappresenti ormai il gold standard della chirurgia senologica.
Cosa non meno importante, ho trovato tanta umanità e comprensione da parte di tutto il personale medico. Consiglio vivamente questa struttura a tutte le donne che abbiano necessità di intraprendere un percorso di cura e prevenzione.
Grazia P.M, una paziente
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
Buongiorno mi Chiamo Carmelina Grimaldi o 63 anni, vorrei una risposta a una domanda e la 2° volta che cerco di farmi visitare dalla vostra struttura per una patologia ginecologica, faccio presente che circa 3 anni fa sono stata operata per un tumore raro alla vulva presso il Sant’Anna di Torino, in seguito o sviluppato un virus chiamato Vin Buodenale in tre anni o subito svariate biopsie , le ultime 2 presso il vostro istituto.

La mia domanda e perché nonostante le richieste con priorità alta non riesco ad accedere, devo aspettare fino a giugno per avere un appuntamento chissà quando, o chiesto al centralino come potevo accedere a una visita urgente e la risposta e se a urgenza prenoti una visita a pagamento pari a €250.00, mi chiedo perché il diritto di un paziente di accedere a un servizio ospedaliero e diventato così difficile io non posso permettermi di pagare questa cifra e sicuramente la mia patologia che richiede un controllo urgente per svariati disagi da qui a 4/5 mesi mi chiedo come ci arrivo.

Se vi chiedete come mai non mi rivolgo al Sant’Anna o i miei buoni motivi per non doverci tornare mai più, con amarezza la sanità e solo per chi se lo può permette

non so se questo e il posto giusto per la mia mail se non lo è faccio la mie scuse

Grimaldi Carmelina



Buongiorno mi Chiamo Carmelina Grimaldi o 63 anni, vorrei una risposta a una domanda e la 2° volta che cerco di farmi visitare dalla vostra struttura per una patologia ginecologica, faccio presente che circa 3 anni fa sono stata operata per un tumore raro alla vulva presso il Sant’Anna di Torino, in seguito o sviluppato un virus chiamato Vin Buodenale in tre anni o subito svariate biopsie , le ultime 2 presso il vostro istituto.

La mia domanda e perché nonostante le richieste con priorità alta non riesco ad accedere, devo aspettare fino a giugno per avere un appuntamento chissà quando, o chiesto al centralino come potevo accedere a una visita urgente e la risposta e se a urgenza prenoti una visita a pagamento pari a €250.00, mi chiedo perché il diritto di un paziente di accedere a un servizio ospedaliero e diventato così difficile io non posso permettermi di pagare questa cifra e sicuramente la mia patologia che richiede un controllo urgente per svariati disagi da qui a 4/5 mesi mi chiedo come ci arrivo.

Se vi chiedete come mai non mi rivolgo al Sant’Anna o i miei buoni motivi per non doverci tornare mai più, con amarezza la sanità e solo per chi se lo può permette

non so se questo e il posto giusto per la mia mail se non lo è faccio la mie scuse

Grimaldi Carmelina



Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

Indirizzo

Fondazione Del Piemonte Per L'Oncologia

via orbassano, 6 - candiolo (TO)
Contatta l'ospedale