Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

9.7

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso ottima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è in forte rialzo.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica altissima, con notizie che ne parlano generalmente molto bene.




Distaccamenti di questo ospedale

Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' VIA TORRE DI PALIDORO - Roma (RM)
Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' LUNGOMARE GUGLIELMO MARCONI 36 - Roma (RM)


Andamento del voto

10 Recensioni (non influenzano il voto)

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
SI trattava di una pronazione dolorosa al braccio,di un bambino di 17 mesi e per questo ci hanno fatto aspettare per 6 ore prima della visita dopo il triage... certo perché l''accoglienza era più preoccupata ad osservare chi entrava ed usciva dalla sala che altro ed il ragazzo di turno ha passato la serata ad urlare contro tutti chiamando diverse volte la sicurezza....
Dopo 6 ore e la visita durata neanche 2 minuti, vedendo che la situazione era quella riferita da noi al triagge (perché era già capitato 6 mesi fa e i medici ci hanno detto che potrebbe facilmente ricapitare) hanno fatto fare una radiografia sicuramente per giustificare tutta questa attesa, per poi finire con la stessa manovra applicata da un''incompetente con arroganza fuori dal comune, una dottoressa che prima di farci varcare la porta se la stava spiegando e provando con l''altra collega.
Come noi altre persone hanno atteso 5/6 ore e la situazione per poi risolvere problemi diversi sembrava dover aspettare tutti lo stesso unico medico dell'' ospedale impegnato in mille problemi invece quando poi si chiedevano spiegazioni sembrava i medici fossero di più ma avessero pochi mezzi e strumenti per lavorare nel reparto e perciò demotivati e stanchi della situazione.
Assurdo poi come in un ora abbiamo fatto visita, radiografia e manovra eppure c''erano anche altre persone...
Un''esperienza da dimenticare per quanto riguarda tutto quello accaduto ieri 12/10/21 ma forse chi di dovere dovrebbe controllare e gestire meglio la situazione...
Sinceramente non era così 6 mesi fa e aver paura di andare in pronto soccorso con il proprio bambino non è proprio normale per un ospedale pediatrico. Se per i medici è lavoro, vi assicuro che per un genitore non è un piacere venirci e tanto meno sentirsi dire se siete venuti dovette aspettare... Non siamo competenti per valutare la gravità e le soluzioni da applicare ma certamente dopo la visita potremmo saperlo dai medici e sinceramente se mi dicessero che non è il caso di fare niente torni a casa non avrei insistito di rimanere.
SI trattava di una pronazione dolorosa al braccio,di un bambino di 17 mesi e per questo ci hanno fatto aspettare per 6 ore prima della visita dopo il triage... certo perché l''accoglienza era più preoccupata ad osservare chi entrava ed usciva dalla sala che altro ed il ragazzo di turno ha passato la serata ad urlare contro tutti chiamando diverse volte la sicurezza....
Dopo 6 ore e la visita durata neanche 2 minuti, vedendo che la situazione era quella riferita da noi al triagge (perché era già capitato 6 mesi fa e i medici ci hanno detto che potrebbe facilmente ricapitare) hanno fatto fare una radiografia sicuramente per giustificare tutta questa attesa, per poi finire con la stessa manovra applicata da un''incompetente con arroganza fuori dal comune, una dottoressa che prima di farci varcare la porta se la stava spiegando e provando con l''altra collega.
Come noi altre persone hanno atteso 5/6 ore e la situazione per poi risolvere problemi diversi sembrava dover aspettare tutti lo stesso unico medico dell'' ospedale impegnato in mille problemi invece quando poi si chiedevano spiegazioni sembrava i medici fossero di più ma avessero pochi mezzi e strumenti per lavorare nel reparto e perciò demotivati e stanchi della situazione.
Assurdo poi come in un ora abbiamo fatto visita, radiografia e manovra eppure c''erano anche altre persone...
Un''esperienza da dimenticare per quanto riguarda tutto quello accaduto ieri 12/10/21 ma forse chi di dovere dovrebbe controllare e gestire meglio la situazione...
Sinceramente non era così 6 mesi fa e aver paura di andare in pronto soccorso con il proprio bambino non è proprio normale per un ospedale pediatrico. Se per i medici è lavoro, vi assicuro che per un genitore non è un piacere venirci e tanto meno sentirsi dire se siete venuti dovette aspettare... Non siamo competenti per valutare la gravità e le soluzioni da applicare ma certamente dopo la visita potremmo saperlo dai medici e sinceramente se mi dicessero che non è il caso di fare niente torni a casa non avrei insistito di rimanere.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Dottoressa molto gentile e competente. Le infermiere all''accoglienza del reparto davvero di scarso tatto. Maleducate, aggressive e anche molto poco empatiche. Ho dovuto alzare la voce per fare sentire le mie ragioni e questo davanti a mia figlia per colpa della loro scarsa considerazione del prossimo.
Dottoressa molto gentile e competente. Le infermiere all''accoglienza del reparto davvero di scarso tatto. Maleducate, aggressive e anche molto poco empatiche. Ho dovuto alzare la voce per fare sentire le mie ragioni e questo davanti a mia figlia per colpa della loro scarsa considerazione del prossimo.
Riferito al reparto di CARDIOLOGIA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Ospedale e personale pessimo.dopo aver prenotato day hospital per 3 gg,per un semplice colpo di tosse volevano farmi tornare a casa.ho insistito così mi hanno fatto 3 gg di day hospital.tampone addirittura il professore così lo chiamano me l ha fatto fare in farmacia.appuntamento alle 14 ,mi fanno Entrare alle 17 30 osservando il bimbo per circa 30 minuti.non metteteci piede ,anche razzisti per chi viene da fuori Roma ,al centralino addirittura mi hanno detto se va a Napoli fa prima.assistenti incompetenti arroganti e menefreghiste
Ospedale e personale pessimo.dopo aver prenotato day hospital per 3 gg,per un semplice colpo di tosse volevano farmi tornare a casa.ho insistito così mi hanno fatto 3 gg di day hospital.tampone addirittura il professore così lo chiamano me l ha fatto fare in farmacia.appuntamento alle 14 ,mi fanno Entrare alle 17 30 osservando il bimbo per circa 30 minuti.non metteteci piede ,anche razzisti per chi viene da fuori Roma ,al centralino addirittura mi hanno detto se va a Napoli fa prima.assistenti incompetenti arroganti e menefreghiste
Riferito al reparto di PEDIATRIA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Appuntamento alle ore 8:30 per effettuare una risonanza di controllo per la situazione del tumore cerebrale di mio figlio , effettuata la risonanza alle 16:30 in anestesia.Per cui è stato senza bere e mangiare per quasi 20 ore poiché ha potuto assaggiare qualcosa al risveglio .Non credo sia una cosa normale quella di far aspettare un bambino di 5 anni oncologico tutto questo tempo senza ne bere ne mangiare .Aveva la flebo di fisiologica certo , ma secondo me la gestione non funziona per niente .Inoltre non si possono chiedere spiegazioni che sembra che cadano dalle nuvole .

@

Appuntamento alle ore 8:30 per effettuare una risonanza di controllo per la situazione del tumore cerebrale di mio figlio , effettuata la risonanza alle 16:30 in anestesia.Per cui è stato senza bere e mangiare per quasi 20 ore poiché ha potuto assaggiare qualcosa al risveglio .Non credo sia una cosa normale quella di far aspettare un bambino di 5 anni oncologico tutto questo tempo senza ne bere ne mangiare .Aveva la flebo di fisiologica certo , ma secondo me la gestione non funziona per niente .Inoltre non si possono chiedere spiegazioni che sembra che cadano dalle nuvole .
Riferito al reparto di ONCOLOGIA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Mia figlia é stata operata di palatoschisi il 10/02/2019. Oggi 04/09/20 ci rechiamo c/o la sede di San Paolo per il day hospital. Entriamo alle 07.30, fanno accedere un solo genitore , ma cmq all''interno non mantengono distanze di sicurezza (invierò foto alle autorità competenti). Sono le ore 12.44 , mia figlia e mia moglie sono ancora in sala d''attesa, sono trascorse ben 5 ore in attesa della visita con la logopedista.
Mia figlia é stata operata di palatoschisi il 10/02/2019. Oggi 04/09/20 ci rechiamo c/o la sede di San Paolo per il day hospital. Entriamo alle 07.30, fanno accedere un solo genitore , ma cmq all''interno non mantengono distanze di sicurezza (invierò foto alle autorità competenti). Sono le ore 12.44 , mia figlia e mia moglie sono ancora in sala d''attesa, sono trascorse ben 5 ore in attesa della visita con la logopedista.
Riferito al reparto di CHIRURGIA PLASTICA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Chiamo al centralino per prenotare una visita specialistica per mio figlio per "petto carenato", ma mi prenotano una semplice visita ortopedica, nonostante la mia insistenza nel richiedere uno specialista delle malformazioni toraciche. All''appuntamento sono presenti due giovani medici che ci consigliano di non fare assolutamente nulla perché si tratta di un problema puramente estetico e che un eventuale corsetto sarebbe una tortura. Gli rispondo che rispetto alla tortura del corsetto, sicuramente di durata limitata, c''è la tortura "psicologica" a vita nel convivere con una malformazione seppure non gravissima. Abbiamo fatto un viaggio abbastanza lungo per nulla. Fortunatamente, affidandoci all''ospedale Meyer di Firenze, stiamo risolvendo il problema.
Chiamo al centralino per prenotare una visita specialistica per mio figlio per "petto carenato", ma mi prenotano una semplice visita ortopedica, nonostante la mia insistenza nel richiedere uno specialista delle malformazioni toraciche. All''appuntamento sono presenti due giovani medici che ci consigliano di non fare assolutamente nulla perché si tratta di un problema puramente estetico e che un eventuale corsetto sarebbe una tortura. Gli rispondo che rispetto alla tortura del corsetto, sicuramente di durata limitata, c''è la tortura "psicologica" a vita nel convivere con una malformazione seppure non gravissima. Abbiamo fatto un viaggio abbastanza lungo per nulla. Fortunatamente, affidandoci all''ospedale Meyer di Firenze, stiamo risolvendo il problema.
Riferito al reparto di ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Tutto bene!
ma sperate sempre di non dovere fare a vostro figlio un elettroencefalogramma in qualunque reparto, arriva una signora bionda con voce rauca che oltre ad essere sgarbata e a lamentarsi delle caratteristiche fisiche del bambino, la trovo del tutto incompetente, avendo fatto altri elettroencefalogramma in Italia non ho mai visto mettere lo scotch sui capelli, che verrà strappato senza cura al termine, lamentare la lunghezza degli stessi e poi chiedere di stare immobile ad un bambino con disabilità! Chi fa un elettroencefalogramma ha bisogno generalmente di serenità e non di un operatore del genere non professionale e inadatta a questo tipo di lavoro, in terapia intensiva dove non deve entrare un batterio a contatto con chiunque, è stata in grado di farsi sanguinare il dito sulle lenzuola quando più volte le era stato ripetuto dalle infermiere di mettere guanti ed il camice, sperando che possa fare un altro tipo di lavoro al più presto sappiate che è pieno il mondo di persone che hanno voglia di lavorare e bene! Cambiatela!!!
Tutto bene!
ma sperate sempre di non dovere fare a vostro figlio un elettroencefalogramma in qualunque reparto, arriva una signora bionda con voce rauca che oltre ad essere sgarbata e a lamentarsi delle caratteristiche fisiche del bambino, la trovo del tutto incompetente, avendo fatto altri elettroencefalogramma in Italia non ho mai visto mettere lo scotch sui capelli, che verrà strappato senza cura al termine, lamentare la lunghezza degli stessi e poi chiedere di stare immobile ad un bambino con disabilità! Chi fa un elettroencefalogramma ha bisogno generalmente di serenità e non di un operatore del genere non professionale e inadatta a questo tipo di lavoro, in terapia intensiva dove non deve entrare un batterio a contatto con chiunque, è stata in grado di farsi sanguinare il dito sulle lenzuola quando più volte le era stato ripetuto dalle infermiere di mettere guanti ed il camice, sperando che possa fare un altro tipo di lavoro al più presto sappiate che è pieno il mondo di persone che hanno voglia di lavorare e bene! Cambiatela!!!
Riferito al reparto di TERAPIA INTENSIVA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Pronto Soccorso del Gianicolo. Vergognoso 9 ore di attesa una bambina di 3 anni. Il p.s. piccolissimo e si riempie in un attimo. L''Hanno visitata in cinque minuti. Hanno detto che è orticaria senza nemmeno fare un prelievo di sangue e poi furbi sul referto ci scrivono di recarsi il giorno seguente dal pediatra di famiglia e in caso di peggioramento tornare in Dea. Ma non si farebbe prima una visita più dettagliata.
Pronto Soccorso del Gianicolo. Vergognoso 9 ore di attesa una bambina di 3 anni. Il p.s. piccolissimo e si riempie in un attimo. L''Hanno visitata in cinque minuti. Hanno detto che è orticaria senza nemmeno fare un prelievo di sangue e poi furbi sul referto ci scrivono di recarsi il giorno seguente dal pediatra di famiglia e in caso di peggioramento tornare in Dea. Ma non si farebbe prima una visita più dettagliata.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Ospedale pessimo, chi si reca al bambin gesu vuol dire che ha un problema complesso e di difficile soluzione questo è il caso di mia figlia, durante il ricovero hanno eseguito soliti esami di routine e confermato le patologie in essere ma non hanno preso in considerazione la causa che scatena tutte queste patologia, mia figlia oggi presenta un''altra nuova patologia diabete mellito a 10 anni, dottoresse presuntuose che se la tirano e non danno ascolto al paziente ed il risultato è questo. non ho parole per descrivere la bassezza qualitativa di questo nosocomio. scadente e pessimo si credono padri eterni io li metterei ai lavori forzati per 4 soldi pecorari e imbecilli
Ospedale pessimo, chi si reca al bambin gesu vuol dire che ha un problema complesso e di difficile soluzione questo è il caso di mia figlia, durante il ricovero hanno eseguito soliti esami di routine e confermato le patologie in essere ma non hanno preso in considerazione la causa che scatena tutte queste patologia, mia figlia oggi presenta un''altra nuova patologia diabete mellito a 10 anni, dottoresse presuntuose che se la tirano e non danno ascolto al paziente ed il risultato è questo. non ho parole per descrivere la bassezza qualitativa di questo nosocomio. scadente e pessimo si credono padri eterni io li metterei ai lavori forzati per 4 soldi pecorari e imbecilli
Riferito al reparto di MALATTIE ENDOCRINE
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Ho dato una stella perché mio figlio di un anno è stato trasferito in ambulanza per problemi respiratori da un altro ospedale e dato che la situazione per loro non era grave ci hanno sbattuto nella sala d'attesa del pronto soccorso ad attendere per ore e quando finalmente la dottoressa ha visitato mio figlio, non voleva farlo ricoverare perché non era grave. Alla fine ho dovuto alzare i toni della discussione. Mi sembra assurdo che dopo avere avuto l'ok dall'ospedale per il trasferimento poi improvvisamente il posto letto non c'è più. Dalle 13 che eravamo li siamo entrati in reparto alle 20 e mio figlio in tutto quel tempo non aveva fatto una flebo ne un aerosol per cui mi è andata bene che non sia peggiorato.
Io ho la responsabilità su mio figlio ma i dottori del pronto soccorso hanno la responsabilità su tutti i bambini che arrivano in ospedale, anche se per loro non sono gravi hanno bisogno di aiuto.
Andate in qualche altro ospedale più piccolo se pensate che i vostri figli non siano così gravi perchè sennò vi trattano come le pezze.
Ho dato una stella perché mio figlio di un anno è stato trasferito in ambulanza per problemi respiratori da un altro ospedale e dato che la situazione per loro non era grave ci hanno sbattuto nella sala d'attesa del pronto soccorso ad attendere per ore e quando finalmente la dottoressa ha visitato mio figlio, non voleva farlo ricoverare perché non era grave. Alla fine ho dovuto alzare i toni della discussione. Mi sembra assurdo che dopo avere avuto l'ok dall'ospedale per il trasferimento poi improvvisamente il posto letto non c'è più. Dalle 13 che eravamo li siamo entrati in reparto alle 20 e mio figlio in tutto quel tempo non aveva fatto una flebo ne un aerosol per cui mi è andata bene che non sia peggiorato.
Io ho la responsabilità su mio figlio ma i dottori del pronto soccorso hanno la responsabilità su tutti i bambini che arrivano in ospedale, anche se per loro non sono gravi hanno bisogno di aiuto.
Andate in qualche altro ospedale più piccolo se pensate che i vostri figli non siano così gravi perchè sennò vi trattano come le pezze.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Elena Santarelli condivide la storia del piccolo Regis, conosciuto in ...

Elena Santarelli condivide la storia del piccolo Regis, conosciuto in ospedale: “Ti auguro il meglio, arriverà questo giorno anche per noi”.
Il Fatto Quotidiano, 15 Giugno 2018


Elena Santarelli insieme a un bimbo ricoverato con il figlio: "A 18 ...

E proprio durante questo periodo così difficile, fra un ospedale e l'altro, Elena Santarelli ha avuto modo di conoscere mamme, famiglie e piccoli ...
Il Giornale, 13 Giugno 2018


Alfie, l'ospedale di Liverpool: è stato un viaggio devastante

«Un viaggio devastante». Così i medici dell'ospedale Alder Hey di Liverpool definiscono oggi la vicenda del Alfie Evans in un messaggio di cordoglio per la morte del piccolo...
Il Messaggero, 28 Aprile 2018


Il giudice: dimettete Alfie. Ma l'ospedale vuole trattenerlo sino alla fine

«Questa sera - si legge nella nota dell'ospedale pediatrico - l'Alta Corte ha nuovamente deciso che è nel miglior interesse di Alfie continuare con il piano per le cure di fine vita sviluppato dal team clinico che si è preso cura di lui. La nostra priorità rimane assicurare che Alfie riceva la cura che merita per ...
Avvenire, 24 Aprile 2018


Alfie è italiano. Nuovo tweet del Papa. Londra non cede e stacca le ...

Sarebbe alle 14 l'avvio della procedura per il distacco del respiratore di Alfie, che lo porterebbe in breve alla morte. All'ospedale di Liverpool arriva Mariella Enoc, presidente del "Bambino Gesù".
Avvenire, 23 Aprile 2018


Alfie, l'ospedale Bambino Gesù pronto ad accoglierlo: proposto ...

L'Ospedale pediatrico Bambino Gesù «è pronto ad accogliere il piccolo Alfie», il bambino inglese di quasi due anni ricoverato a Liverpool per una malattia neurodegenerativa non conosciuta e per il quale i medici hanno stabilito la sospensione delle cure, contro la volontà dei genitori. Oggi, apprende ...
Il Messaggero, 18 Aprile 2018


Alfie Evans, l'ospedale Bambino Gesù di Roma è pronto ad ...

Alfie Evans, l'ospedale Bambino Gesù di Roma è pronto ad accoglierlo. Mariella Enoc, presidente della struttura del Vaticano: «Potremmo prenderci cura di Alfie senza accanimento terapeutico. Lo accompagneremo verso la fine naturale». Attesa per lunedì la decisione della Corte d'Appello inglese.
Corriere Della Sera, 15 Aprile 2018


First lady Messico all'Ospedale Bambino Gesù, dona la campanella ...

Ogni volta che un bambino guarisce, nell'Ospedale pediatrico "Federico Gomez" di Città del Messico viene suonata una campanella. E' il dono che la primera dama del Messico, Angélica Rivera de Peña, moglie del presidente Enrique Peña Nieto, ha voluto portare anche ai bambini ricoverati all'Ospedale ...
Giornale di Sicilia, 14 Marzo 2018


Alessia Marcuzzi in ospedale con Elena Santarelli e il figlio malato ...

Alessia Marcuzzi in ospedale con Elena Santarelli e il figlio malato: «Sei una guerriera». La conduttrice dell'Isola dei Famosi accanto all'amica nel reparto di Oncoematologia all'ospedale Bambino Gesù di Roma dove è ricoverato il figlio della showgirl e di Corradi ...
Corriere Della Sera, 02 Febbraio 2018


Alessia Marcuzzi in ospedale con Elena Santarelli: "Amica mia, sei ...

“Amica mia, sei una guerriera vera, e Jack un portento“. Così Alessia Marcuzzi si rivolge con post pubblicato su Instagram all'amica Elena Santarelli che si trova ad affrontare un momento difficile insieme alla sua famiglia da quando a suo figlio Giacomo è stata diagnosticata una malattia. Per questo, la ...
Il Fatto Quotidiano, 02 Febbraio 2018


Indirizzo

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

piazza di sant'onofrio, 4 - roma (RM)
Contatta l'ospedale