Ospedale G. di Maria

3.5

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso pessima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale piccolo e questo è generalmente negativo perché le strutture troppo piccole non sono sempre in grado di sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale poco specializzato che gestisce pochi pazienti o che ha tanti reparti poco specializzati.

2 Recensioni (non influenzano il voto)

Gestione pessima e umanità zero, per riuscire ad avere informazioni su mia madre ho dovuto chiedere non so quante volte per poi scoprire solo dopo mia insistenza, che era stata portata in terapia intensiva e che a lei era stato riferito che nessuno dei suoi parenti erano lì.
Posso capire che la carenza di personale può comportare dei disagi ma la mancanza di umanità li accentua.
Il pensiero che mia madre avrebbe potuto lasciarci pensando di essere stata lasciata lì, da noi abbandonata, (mentre ero lì dalle 6,30 e continuavo a chiedere informazioni ), mi fa venire il mal di stomaco
Gestione pessima e umanità zero, per riuscire ad avere informazioni su mia madre ho dovuto chiedere non so quante volte per poi scoprire solo dopo mia insistenza, che era stata portata in terapia intensiva e che a lei era stato riferito che nessuno dei suoi parenti erano lì.
Posso capire che la carenza di personale può comportare dei disagi ma la mancanza di umanità li accentua.
Il pensiero che mia madre avrebbe potuto lasciarci pensando di essere stata lasciata lì, da noi abbandonata, (mentre ero lì dalle 6,30 e continuavo a chiedere informazioni ), mi fa venire il mal di stomaco
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Il pronto soccorso è una specie di girone infernale in cui se non sei in punto di morte difficilmente vieni preso in considerazione, se stai portando qualcuno che non riesce a camminare devi andarti a cercare una sedia a rotelle per tutto l''ospedale, se hai la fortuna di trovarla poi ti arrangi perchè se c''è un infermiere fuori è in pausa sigaretta e non puoi chiedergli aiuto neanche per mettere a sedere la persona che stai portando. Se poi un tuo parente riesce a entrare, per avere qualche informazione devi avere l''amico che ti raccomanda, altrimenti resti in attesa anche 5-6 ore senza sapere niente di niente. Ma non è l''unico problema. Ieri pomeriggio il CUP doveva essere aperto dalla 15,00 alle 17,00, ma fino alle 15,30 era ancora chiuso, e come sempre nessuno sapeva niente. Io e gli altri utenti siamo dovuti andare a protestare fino all''ufficio del direttore sanitario per fare aprire uno sportello, che è stato aperto solo alle 15,45 come se ci stessero facendo un favore. Una sola parola per valutare questa struttura: vergogna!
Il pronto soccorso è una specie di girone infernale in cui se non sei in punto di morte difficilmente vieni preso in considerazione, se stai portando qualcuno che non riesce a camminare devi andarti a cercare una sedia a rotelle per tutto l''ospedale, se hai la fortuna di trovarla poi ti arrangi perchè se c''è un infermiere fuori è in pausa sigaretta e non puoi chiedergli aiuto neanche per mettere a sedere la persona che stai portando. Se poi un tuo parente riesce a entrare, per avere qualche informazione devi avere l''amico che ti raccomanda, altrimenti resti in attesa anche 5-6 ore senza sapere niente di niente. Ma non è l''unico problema. Ieri pomeriggio il CUP doveva essere aperto dalla 15,00 alle 17,00, ma fino alle 15,30 era ancora chiuso, e come sempre nessuno sapeva niente. Io e gli altri utenti siamo dovuti andare a protestare fino all''ufficio del direttore sanitario per fare aprire uno sportello, che è stato aperto solo alle 15,45 come se ci stessero facendo un favore. Una sola parola per valutare questa struttura: vergogna!
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

Indirizzo

Ospedale G. di Maria

ss115 - avola (SR)
Contatta l'ospedale

L'innovazione di oggi,la salute di domani

Il podcast dedicato ai professionisti del mondo della salute

Le scoperte che trasformeranno il mondo della salute.
Scoperte che faranno parte davvero del nostro domani, selezionate da Thatmorning e raccontate da Daniela Faggion, che in ogni puntata dà voce alle eccellenze italiane in prima persona.