Ospedale San Giuseppe

6.4

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso buona e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

20 Recensioni (non influenzano il voto)

La notte di venerdì sono arrivata in pronto soccorso in ambulanza perché lamentavo forti dolori addominali e lombari che si irradiavano lungo tutta la gamba, fortemente nauseata, dopo aver vomitato. Riferisco subito di aver avuto un episodio di appendicite nel 2019 trattato tramite antibiotici e non chirurgicamente. Invitata più volte a non piangere e a non contorcermi per i dolori poiché “se tanto piangi non è che ti passa” l’addetta al triage mi invita a sedermi su una sedia in metallo in sala d’attesa. Gli altri pazienti presenti, basiti per il mio stato visibilmente dolorante, erano i soli a seguirmi in bagno per accertarsi che andasse tutto bene e a proporsi di alzarsi dalle poltrone per i prelievi sulle quali erano seduti per farmi stendere. Scioccata, mentre camminavo letteralmente piegata in due sono andata a reclamare una barella e sempre l’addetta al triage mi ha bellamente ignorato, continuando a fissare lo schermo del pc senza degnarsi di guardarmi nemmeno in faccia. Su mia insistenza i sedicenti “infermieri” intenti a gozzovigliare nella loro stanzetta si alzano e mi dicono che non c’erano barelle, ma almeno in questo modo mi degnano di qualche attenzione e mi piazzano su una poltrona reclinabile per prelievi, dimenticandosi però di aprirla per farmi stendere.
Mentre stavo per svenire dal dolore gli infermieri continuavano a chiacchierare tra di loro senza degnarmi di uno sguardo. Finalmente mi somministrano una flebo di Toradol e i dolori si alleviano. Mi dimenticano sulla stessa poltrona per un’ora finché un infermiere non arriva con un’altra flebo di antibiotico. Alla mia richiesta di spiegazioni la risposta che mi è stata fornita è stata “ne parlerà col medico, ora siamo di fretta” (ci tengo a sottolineare che per tutta la durata della mia permanenza in pronto soccorso ho interagito solamente con gli infermieri). Dopo circa un’altra ora vengo dimessa e finalmente vedo in faccia un medico che mi consegna un referto cartaceo senza nemmeno dirmi a voce quale fosse la diagnosi. In definitiva secondo loro avevo una cistite emorragica (seppure fosse impossibile stabilirlo poiché in quel momento avevo le mestruazioni). Chiedo ingenuamente se sia possibile avvertire così tanto dolore da dover ricorrere ad un farmaco con lo stesso principio attivo degli oppiacei per una cistite e mi rispondono “per chi ha una soglia del dolore pari a zero come lei si”. Non contenti continuano a sbeffeggiarmi fino all’ultimo momento quando, salutandomi, ridacchiano dicendomi che mi avrebbero aspettato quando avrei dovuto partorire per capire cosa sono i veri dolori. Non sono mai entrata in contatto con un istituto di cura popolato da persone disumane ed apatiche come lo staff del San Giuseppe. Da denuncia. Dulcis in fundo, a sottolineare quanto nella clinica (e lo dico da psicologa iscritta all’Ordine) l’ascolto sia parte integrante FONDAMENTALE e IMPRESCINDIBILE del processo di cura, leggendo la voce dell’anamnesi nel referto scopro che al medico (che non ho mai visto se non per il mio congedo) lo staff di “infermieri” ha riferito che avevo subito un’appendicectomia seppure io avessi sottolineato più volte che il mio episodio di appendicite nel 2019 era stato trattato solo farmacologicamente. Sarà forse per questo che pur lamentando dolori addominali fortissimi nessuno si è degnato di guardarmi/sfiorarmi l’addome? A buon intenditor, poche parole. STATE LONTANI DAL PRONTO SOCCORSO DEL SAN GIUSEPPE.
La notte di venerdì sono arrivata in pronto soccorso in ambulanza perché lamentavo forti dolori addominali e lombari che si irradiavano lungo tutta la gamba, fortemente nauseata, dopo aver vomitato. Riferisco subito di aver avuto un episodio di appendicite nel 2019 trattato tramite antibiotici e non chirurgicamente. Invitata più volte a non piangere e a non contorcermi per i dolori poiché “se tanto piangi non è che ti passa” l’addetta al triage mi invita a sedermi su una sedia in metallo in sala d’attesa. Gli altri pazienti presenti, basiti per il mio stato visibilmente dolorante, erano i soli a seguirmi in bagno per accertarsi che andasse tutto bene e a proporsi di alzarsi dalle poltrone per i prelievi sulle quali erano seduti per farmi stendere. Scioccata, mentre camminavo letteralmente piegata in due sono andata a reclamare una barella e sempre l’addetta al triage mi ha bellamente ignorato, continuando a fissare lo schermo del pc senza degnarsi di guardarmi nemmeno in faccia. Su mia insistenza i sedicenti “infermieri” intenti a gozzovigliare nella loro stanzetta si alzano e mi dicono che non c’erano barelle, ma almeno in questo modo mi degnano di qualche attenzione e mi piazzano su una poltrona reclinabile per prelievi, dimenticandosi però di aprirla per farmi stendere.
Mentre stavo per svenire dal dolore gli infermieri continuavano a chiacchierare tra di loro senza degnarmi di uno sguardo. Finalmente mi somministrano una flebo di Toradol e i dolori si alleviano. Mi dimenticano sulla stessa poltrona per un’ora finché un infermiere non arriva con un’altra flebo di antibiotico. Alla mia richiesta di spiegazioni la risposta che mi è stata fornita è stata “ne parlerà col medico, ora siamo di fretta” (ci tengo a sottolineare che per tutta la durata della mia permanenza in pronto soccorso ho interagito solamente con gli infermieri). Dopo circa un’altra ora vengo dimessa e finalmente vedo in faccia un medico che mi consegna un referto cartaceo senza nemmeno dirmi a voce quale fosse la diagnosi. In definitiva secondo loro avevo una cistite emorragica (seppure fosse impossibile stabilirlo poiché in quel momento avevo le mestruazioni). Chiedo ingenuamente se sia possibile avvertire così tanto dolore da dover ricorrere ad un farmaco con lo stesso principio attivo degli oppiacei per una cistite e mi rispondono “per chi ha una soglia del dolore pari a zero come lei si”. Non contenti continuano a sbeffeggiarmi fino all’ultimo momento quando, salutandomi, ridacchiano dicendomi che mi avrebbero aspettato quando avrei dovuto partorire per capire cosa sono i veri dolori. Non sono mai entrata in contatto con un istituto di cura popolato da persone disumane ed apatiche come lo staff del San Giuseppe. Da denuncia. Dulcis in fundo, a sottolineare quanto nella clinica (e lo dico da psicologa iscritta all’Ordine) l’ascolto sia parte integrante FONDAMENTALE e IMPRESCINDIBILE del processo di cura, leggendo la voce dell’anamnesi nel referto scopro che al medico (che non ho mai visto se non per il mio congedo) lo staff di “infermieri” ha riferito che avevo subito un’appendicectomia seppure io avessi sottolineato più volte che il mio episodio di appendicite nel 2019 era stato trattato solo farmacologicamente. Sarà forse per questo che pur lamentando dolori addominali fortissimi nessuno si è degnato di guardarmi/sfiorarmi l’addome? A buon intenditor, poche parole. STATE LONTANI DAL PRONTO SOCCORSO DEL SAN GIUSEPPE.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Pronto soccorso con poco personale e non sempre educato.
Sono arrivata alle 12 e dopo aver atteso 10 ore non sono stata visitata.
Un solo medico in servizio dalle h 20 per tutto il pronto soccorso è inconcepibile.
I servizi igienici poi non ne parliamo, erano sporchissimi, sono stati puliti solo una volta in nove ore.
Dopo aver aspettato 10 ore mi arrendo e alle 22,30 vado a casa senza aver risolto il mio problema di salute.
Che delusione !!

Pronto soccorso con poco personale e non sempre educato.
Sono arrivata alle 12 e dopo aver atteso 10 ore non sono stata visitata.
Un solo medico in servizio dalle h 20 per tutto il pronto soccorso è inconcepibile.
I servizi igienici poi non ne parliamo, erano sporchissimi, sono stati puliti solo una volta in nove ore.
Dopo aver aspettato 10 ore mi arrendo e alle 22,30 vado a casa senza aver risolto il mio problema di salute.
Che delusione !!

Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Pronto soccorso da incubo mia mamma anziana e stata parcheggiata per 2 giorni su una barella al freddo gli abbiamo portato una coperta e loro l’hanno buttata dentro un sacco nero sotto la barella infermieri e dottori incompetenti a dir poco senza dargli la possibilità di bere perché un anziano di 90 non merita nemmeno questo per loro
Purtroppo mia mamma è deceduta 3 giorni dopo sempre in questo schifo che viene definito ospedale
Pronto soccorso da incubo mia mamma anziana e stata parcheggiata per 2 giorni su una barella al freddo gli abbiamo portato una coperta e loro l’hanno buttata dentro un sacco nero sotto la barella infermieri e dottori incompetenti a dir poco senza dargli la possibilità di bere perché un anziano di 90 non merita nemmeno questo per loro
Purtroppo mia mamma è deceduta 3 giorni dopo sempre in questo schifo che viene definito ospedale
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Tra il personale paramedico ci sono persone maleducate scorrette scansafatiche e pericolosamente ignoranti che andrebbero rimosse.
La pulizia delle stanze e dei.bagni e discutibile, la gestione del paziente anche. Si salva per la competenza e la gentilezza di alcune figure sanitarie e parasanitarie che fanno la parte anche degli altri... ma non si può essere in balia dello strapotere degli incompetenti
Tra il personale paramedico ci sono persone maleducate scorrette scansafatiche e pericolosamente ignoranti che andrebbero rimosse.
La pulizia delle stanze e dei.bagni e discutibile, la gestione del paziente anche. Si salva per la competenza e la gentilezza di alcune figure sanitarie e parasanitarie che fanno la parte anche degli altri... ma non si può essere in balia dello strapotere degli incompetenti
Riferito al reparto di CARDIOLOGIA
Sono stata in riabilitazione cardiologica dal 25.1 all''8.2.2023 e sono stata benissimo. Molto pulito, cibo buono. Assistenza infermieristica e medica molto buona, idem i terapisti. Mi sono sentita seguita in tutto e per tutto. Devo quindi ringraziare tutto il reparto compreso il personale delle pulizie, dell''accoglienza ricevuta. Grazie ancora, serbo di tutti Voi un buon ricordo.
Sono stata in riabilitazione cardiologica dal 25.1 all''8.2.2023 e sono stata benissimo. Molto pulito, cibo buono. Assistenza infermieristica e medica molto buona, idem i terapisti. Mi sono sentita seguita in tutto e per tutto. Devo quindi ringraziare tutto il reparto compreso il personale delle pulizie, dell''accoglienza ricevuta. Grazie ancora, serbo di tutti Voi un buon ricordo.
Riferito al reparto di RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE
PESSIMA ESPERIENZA.
NESSUNA CURA DEL PAZIENTE E DELLE SUE NECESSITA''.
ELEFANTE BUROCRATICO DIETRO CUI SI NASCONDONO LE RISPOSTE ED UNA TOTALE MANCANZA DI PROFESSIONALITA'', EMPATIA, INTERESSE PER IL PAZIENTE
I M B A R A Z Z A N T E
PESSIMA ESPERIENZA.
NESSUNA CURA DEL PAZIENTE E DELLE SUE NECESSITA''.
ELEFANTE BUROCRATICO DIETRO CUI SI NASCONDONO LE RISPOSTE ED UNA TOTALE MANCANZA DI PROFESSIONALITA'', EMPATIA, INTERESSE PER IL PAZIENTE
I M B A R A Z Z A N T E
Riferito al reparto di ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Inviata da Medico personale in ambulanza. Non posso che scrivere OTTIMO. Subito presa in osservazione e cura..Dottoressa Antonia P. veramente umanamente amabile e sollecita con uno staff gentilissimo , tutti quanti con particolare attenzione Grazie a Sebastien . E al cambio turno un grazie e complimenti anche al dott. Eusebio. L''esperienza negativa mi ha messo nelle mani di veri missionari. Grazie di cuore
Inviata da Medico personale in ambulanza. Non posso che scrivere OTTIMO. Subito presa in osservazione e cura..Dottoressa Antonia P. veramente umanamente amabile e sollecita con uno staff gentilissimo , tutti quanti con particolare attenzione Grazie a Sebastien . E al cambio turno un grazie e complimenti anche al dott. Eusebio. L''esperienza negativa mi ha messo nelle mani di veri missionari. Grazie di cuore
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Non è possibile un contatto telefonico per prenotareuna visita fisiatrica , un disco avverte da diversi giorni che le linee sono " momentaneamente guaste"
Non è possibile un contatto telefonico per prenotareuna visita fisiatrica , un disco avverte da diversi giorni che le linee sono " momentaneamente guaste"
Riferito al reparto di ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Avevo un appuntamento con un famoso Diabetologo giovedì 30 aprile 2023 alle ore 12. Venendo da Torino ho preso, insieme a mia moglie, un taxi a Torino , poi un Frecciarossa, poi un altro taxi dalla stazione centrale sino all''ospedale...e qui viene il bello..la visita era stata cancellata a causa di un malfunzionamento dei sistemi informatici!
Ovviamente nessuno mi aveva informato, non un SMS, non una mail, non una chiamata telefonica...alle mie rimostranze la risposta è stata "ci dispiace". Ma come vi dispiace, abbiamo perso tempo e soldi e ci dite "ci dispiace"....Le incredibili recensioni negative sono tutte VERE...tenetevi alla larga, se potete, da una struttura gestita con i piedi. Vergogna!! Un''ultima cosa..ma come fa uno stimato Professore ad appoggiarsi a simili dilettanti...possibile che a Milano, la grande Milano non esistano verificati luoghi con affidabilità certa?
Avevo un appuntamento con un famoso Diabetologo giovedì 30 aprile 2023 alle ore 12. Venendo da Torino ho preso, insieme a mia moglie, un taxi a Torino , poi un Frecciarossa, poi un altro taxi dalla stazione centrale sino all''ospedale...e qui viene il bello..la visita era stata cancellata a causa di un malfunzionamento dei sistemi informatici!
Ovviamente nessuno mi aveva informato, non un SMS, non una mail, non una chiamata telefonica...alle mie rimostranze la risposta è stata "ci dispiace". Ma come vi dispiace, abbiamo perso tempo e soldi e ci dite "ci dispiace"....Le incredibili recensioni negative sono tutte VERE...tenetevi alla larga, se potete, da una struttura gestita con i piedi. Vergogna!! Un''ultima cosa..ma come fa uno stimato Professore ad appoggiarsi a simili dilettanti...possibile che a Milano, la grande Milano non esistano verificati luoghi con affidabilità certa?
Riferito al reparto di MALATTIE ENDOCRINE
Sono stata operata il 2/02/2023 all’ernia crurale. Volevo fare i complimenti al chirurgo dottor Andrea Porta sia per il lavoro svolto con perfezione sia per la sua gentilezza. In sala operatoria tutti molto gentili e premurosi. Anche nel Reparto di chirurgia generale infermieri e infermiere che erano di turno quel giorno tutti gentilissimi. Vorrei ringraziare anche per il supporto morale dato dalle due ragazze volontarie bravissime. Si vede che lo fanno con passione.
Sono stata operata il 2/02/2023 all’ernia crurale. Volevo fare i complimenti al chirurgo dottor Andrea Porta sia per il lavoro svolto con perfezione sia per la sua gentilezza. In sala operatoria tutti molto gentili e premurosi. Anche nel Reparto di chirurgia generale infermieri e infermiere che erano di turno quel giorno tutti gentilissimi. Vorrei ringraziare anche per il supporto morale dato dalle due ragazze volontarie bravissime. Si vede che lo fanno con passione.
Riferito al reparto di CHIRURGIA GENERALE
Personale maleducato , incompetente sembra di essere all’università tutti studenti che imparano a fare prelievi particolari. Per u. The che doveva essere dato a colazione abbiamo aspettato fino alle 11.30 poi comprato al bar. Chiedi un infermiera arriva dopo 1 ora anche seccata!!! Mai più San Giuseppe ma neanche da consigliare
Personale maleducato , incompetente sembra di essere all’università tutti studenti che imparano a fare prelievi particolari. Per u. The che doveva essere dato a colazione abbiamo aspettato fino alle 11.30 poi comprato al bar. Chiedi un infermiera arriva dopo 1 ora anche seccata!!! Mai più San Giuseppe ma neanche da consigliare
Riferito al reparto di MEDICINA INTERNA
Oggi dopo pranzo mi sono sentita male al lavoro ..sono tornata a casa e mi sentivo molto peggio allora avevo deciso di chiamare il pronto soccorso che è arrivato dopo 45 min..fino a lì tutto più o meno bene ..loro hanno insistito a portarmi all’ospedale è quello più vicino era il San Giuseppe ..appena arrivata stavo scrivendo un messaggio a mia mamma è un signore con gli occhiali di mezza età che sta in accettazione mi dice con tono molto maleducato SPEGNI IL TELEFONO !! QUI NON SINPUO STARE AL TELEFONO ..PENSA GE QUESTA VIENE AL PRONTO SOCCORSO PER STARE AL TELEFONO..già li parliamone .. sono stata lì sulla barella un ora senza essere minimamente considerata mentre loro ridevano e scherzavano in reception ..dopo un ora piegata in due dal dolore non ho resistito mi sono avvicinata e ho detto a una signora un po’ grossa di corporatura con un caschetto biondo finto ..scusi ma qualcuno mi considera? Questa con una faccia da schiaffi e dei toni molto maleducati mi fa ..tu sei codice bianco e non è un’emergenza devi aspettare!!! Che aspettare mi sta bene per carità non mi stavo dissanguando ..anche io le dico ..grazie molto gentile e lei si anche tu !! RENDIAMOCI CONTO !! Dopo 1 ora li nemmeno l’accettazione avevo ancora fatto!! Alche mi spazientisco e le dico di darmi la tessera sanitaria che me ne vado ..guarda a caso mi dice subito ..vieni che facciamo l’accettazione .. RIDICOLO !!! Uno deve incazzarsi per forza … io ho preso la Mia tessere e me ne sono andata via non risolvendo nulla ..ho cercato la farmacia di turno visto che erano ormai le 8 di sera ed erano tutte chiuse e ho chiesto aiuto a loro facendomi dare qualcosa per stare meglio !!! QUESTA È LA SANITÀ IN ITALIA AMICI MIEI !! Questa !!!!
Oggi dopo pranzo mi sono sentita male al lavoro ..sono tornata a casa e mi sentivo molto peggio allora avevo deciso di chiamare il pronto soccorso che è arrivato dopo 45 min..fino a lì tutto più o meno bene ..loro hanno insistito a portarmi all’ospedale è quello più vicino era il San Giuseppe ..appena arrivata stavo scrivendo un messaggio a mia mamma è un signore con gli occhiali di mezza età che sta in accettazione mi dice con tono molto maleducato SPEGNI IL TELEFONO !! QUI NON SINPUO STARE AL TELEFONO ..PENSA GE QUESTA VIENE AL PRONTO SOCCORSO PER STARE AL TELEFONO..già li parliamone .. sono stata lì sulla barella un ora senza essere minimamente considerata mentre loro ridevano e scherzavano in reception ..dopo un ora piegata in due dal dolore non ho resistito mi sono avvicinata e ho detto a una signora un po’ grossa di corporatura con un caschetto biondo finto ..scusi ma qualcuno mi considera? Questa con una faccia da schiaffi e dei toni molto maleducati mi fa ..tu sei codice bianco e non è un’emergenza devi aspettare!!! Che aspettare mi sta bene per carità non mi stavo dissanguando ..anche io le dico ..grazie molto gentile e lei si anche tu !! RENDIAMOCI CONTO !! Dopo 1 ora li nemmeno l’accettazione avevo ancora fatto!! Alche mi spazientisco e le dico di darmi la tessera sanitaria che me ne vado ..guarda a caso mi dice subito ..vieni che facciamo l’accettazione .. RIDICOLO !!! Uno deve incazzarsi per forza … io ho preso la Mia tessere e me ne sono andata via non risolvendo nulla ..ho cercato la farmacia di turno visto che erano ormai le 8 di sera ed erano tutte chiuse e ho chiesto aiuto a loro facendomi dare qualcosa per stare meglio !!! QUESTA È LA SANITÀ IN ITALIA AMICI MIEI !! Questa !!!!
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
I medici sono bravissimi.otimi . l''ho consigliato ai miei amici.
I medici sono bravissimi.otimi . l''ho consigliato ai miei amici.
Riferito al reparto di OTORINOLARINGOIATRIA
Esperienza pessima . Mio Papà 83 anni .tra l''altro portatore di ossigeno. ..Non riesce più ad urinare ...e in 8 giorni ci dobbiamo recare tre volte in ospedale..per niente ..ed è da due anni in lista di attesa nello stesso. oggi lo hanno lasciato su una sedia 8 ore!!! Senza alla fine fare nulla ..Vergognatevi!!!! Vergognati Direttore Sanitario!!!!Vai a vedere come trattano le persone nel tuo pronto soccorso ..una volta un fiore all''occhiello..ora uno schifo! I Detenuti del carcere li a fianco vengono trattati con più dignità!
Esperienza pessima . Mio Papà 83 anni .tra l''altro portatore di ossigeno. ..Non riesce più ad urinare ...e in 8 giorni ci dobbiamo recare tre volte in ospedale..per niente ..ed è da due anni in lista di attesa nello stesso. oggi lo hanno lasciato su una sedia 8 ore!!! Senza alla fine fare nulla ..Vergognatevi!!!! Vergognati Direttore Sanitario!!!!Vai a vedere come trattano le persone nel tuo pronto soccorso ..una volta un fiore all''occhiello..ora uno schifo! I Detenuti del carcere li a fianco vengono trattati con più dignità!
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Pessimo Pronto soccorso. Attesa lunghissima di molte ore , personale indifferente, non professionale, sgarbato e arrogante. Saletta di ricevimento sporca e senza calorifico. Comunicazioni ai pazienti zero. Pronto soccorso da terzo mondo. Dopo diverse ore in quelle condizioni molti abbandonano il posto nell''indifferenza totale degli infermieri. Da incubo.
Pessimo Pronto soccorso. Attesa lunghissima di molte ore , personale indifferente, non professionale, sgarbato e arrogante. Saletta di ricevimento sporca e senza calorifico. Comunicazioni ai pazienti zero. Pronto soccorso da terzo mondo. Dopo diverse ore in quelle condizioni molti abbandonano il posto nell''indifferenza totale degli infermieri. Da incubo.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
I disabili con problematiche motorie vengono trattati pessimamente dalla portinaia DONNA (gli uomini sono invece sempre cortesi e comprensivi) che NON apre il cancello per far entrare vicino all''ascensore l''auto munita di contrassegno disabili. Lascia i disabili fuori nell''auto a lungo e quando finalmente qualche moto o auto escono la portinaia, costretta ad aprire il cancello, lascia il proprio posto di consegna referti e si catapulta nel cortile urlando sguaiatamente contro il disabile nell''auto per farlo uscire dal cortile. Se nell''angusta via davanti all''ospedale non ci sono posti auto liberi (come accade nella maggior parte delle volte) il disabile è costretto a rinunciare alla propria visita o esame nell''ospedale. Non tutti possono permettersi il taxi! Sembra di entrare in un collegio di correzione di fin''800, con metodi aggressivi e coercitivi, tali da far accusare malori al disabile che viene letteralmente aggredito vocalmente. Certi personaggi non meritano il posto che ricoprono.
I disabili con problematiche motorie vengono trattati pessimamente dalla portinaia DONNA (gli uomini sono invece sempre cortesi e comprensivi) che NON apre il cancello per far entrare vicino all''ascensore l''auto munita di contrassegno disabili. Lascia i disabili fuori nell''auto a lungo e quando finalmente qualche moto o auto escono la portinaia, costretta ad aprire il cancello, lascia il proprio posto di consegna referti e si catapulta nel cortile urlando sguaiatamente contro il disabile nell''auto per farlo uscire dal cortile. Se nell''angusta via davanti all''ospedale non ci sono posti auto liberi (come accade nella maggior parte delle volte) il disabile è costretto a rinunciare alla propria visita o esame nell''ospedale. Non tutti possono permettersi il taxi! Sembra di entrare in un collegio di correzione di fin''800, con metodi aggressivi e coercitivi, tali da far accusare malori al disabile che viene letteralmente aggredito vocalmente. Certi personaggi non meritano il posto che ricoprono.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Auguro a tutti i pazienti di non dover mai avere a che fare con un’infermiera dai capelli rossi cattiva e maleducata come poche. Risponde male ai pazienti e tratta male il personale. Ma come è possibile di certi atteggiamenti in reparto ?? Consiglio a questa “ infermiera di cambiare totalmente lavoro
Auguro a tutti i pazienti di non dover mai avere a che fare con un’infermiera dai capelli rossi cattiva e maleducata come poche. Risponde male ai pazienti e tratta male il personale. Ma come è possibile di certi atteggiamenti in reparto ?? Consiglio a questa “ infermiera di cambiare totalmente lavoro
Riferito al reparto di CHIRURGIA GENERALE
Pessima organizzazione e totale incompetenza del personale. Mia sorella e arrivata al pronto soccorso alle 11.30 dopo una caduta. Le hanno detto che probabilmente era una crisi neurologica e che le avrebbero fatto la tac. Dopo ore di attesa le hanno dato dei farmaci per i dolori per poi dirle alle 19 che non avevano la traumatologia e che non potevano curarla, così ho dovuto portarla al San Carlo un ospedale serio dove l''hanno subito curata adeguatamente. Sconsiglio l''ospedale san giuseppe a tutti
Pessima organizzazione e totale incompetenza del personale. Mia sorella e arrivata al pronto soccorso alle 11.30 dopo una caduta. Le hanno detto che probabilmente era una crisi neurologica e che le avrebbero fatto la tac. Dopo ore di attesa le hanno dato dei farmaci per i dolori per poi dirle alle 19 che non avevano la traumatologia e che non potevano curarla, così ho dovuto portarla al San Carlo un ospedale serio dove l''hanno subito curata adeguatamente. Sconsiglio l''ospedale san giuseppe a tutti
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
La risposta è stata soddisfacente. L''unica mia preoccupazione è che in questo periodo di Covid sia consigliabile o sconsigliabile fare una biopsia.
Dato che devo inserire degli aghi ecc. Ci sono controindicazioni?
Grazie e scusate la mia apprensione.
Giovanni Acerbi
La risposta è stata soddisfacente. L''unica mia preoccupazione è che in questo periodo di Covid sia consigliabile o sconsigliabile fare una biopsia.
Dato che devo inserire degli aghi ecc. Ci sono controindicazioni?
Grazie e scusate la mia apprensione.
Giovanni Acerbi
Riferito al reparto di UROLOGIA
Adenoma prostatico
Adenoma prostatico
Riferito al reparto di UROLOGIA

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

Indirizzo

Ospedale San Giuseppe

via san vittore, 12 - milano (MI)
Contatta l'ospedale

L'innovazione di oggi,la salute di domani

Il podcast dedicato ai professionisti del mondo della salute

Le scoperte che trasformeranno il mondo della salute.
Scoperte che faranno parte davvero del nostro domani, selezionate da Thatmorning e raccontate da Daniela Faggion, che in ogni puntata dà voce alle eccellenze italiane in prima persona.