IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

 
7.9

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso molto buona e nell'ultimo periodo la sua valutazione è in ribasso.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.


10 Recensioni (non influenzano il voto dell'ospedale)

Credevo che la gravidanza stesse procedendo normalmente, alla visita di controllo alla 38 settimana però il ginecologo ha notato una riduzione del liquido amniotico tale da determinare l'induzione del parto per il giorno stesso. A posteriori mi rendo conto che c'erano dei "segnali" che se avessi interpretato correttamente potevano indicarmi prima che qualcosa non andava bene: nelle ultime 3 settimane non avevo messo neppure un grammo in termini di aumento del peso, la pancia sembrava non crescere più e sentivo...Leggi tutta la storia
Sono venuto a conoscenza della mia malattia casualmente da piccolo dopo una caduta dalla bicicletta e con conseguente versamento di sangue non visibile ad occhio nudo. Le reazioni dei miei genitori sono state quelle di attenzione particolarmente la mia vita soprattutto negli anni dell'adolescenza, ma per fortuna senza che mi abbiano mai condizionato. Io ho reagito nel miglior modo possibile, pur essendo una malattia rara per cui devi fare particolarmente attenzione al tuo stile di vita; cerco di farmi influenzare...Leggi tutta la storia
Non andate in Geriatria del policlinico perché non ha le competenze necessarie per diagnosticare ed affrontare malattie più complesse (di una semplice influenza) portando alla sofferenza e alla morte dei pazienti. Inoltre non ascoltano e non collaborano assolutamente con i parenti trattandoli con aggressività.
Riferito al reparto di GERIATRIA
Le persone non vengono proprio trattate bene: i parenti aggrediti da medici che urlano per coprire gli errori fatti e i pazienti trattati con incuria fino a portarli a sopportare sofferenze e fatiche inutili e dannose per la loro salute già precaria.
Riferito al reparto di GERIATRIA
Credo si tratti in assoluto di una delle strutture che in Italia gestisce tra i più alti volumi di nascite e questo pur essendo un dato che infonde sicurezza si tramuta in alcuni momenti in un sovraccarico della struttura. Io ho avuto la fortuna di poter stare a fianco alla mia compagna in regime privato nel reparto solventi (S. Caterina), che mi spiace dirlo ma offre un servizio nettamente superiore a quello che si ottiene in regime pubblico.
La mia esperienza è stata perfetta: camera privata con letto anche per me, ginecologo sempre presente, menu alla carta, nido dedicato con 6 ostetriche per 20 bambini!!
Do tre stelle perché nel reparto pubblico ho visto neomamme che dopo aver appena partorito venivano parcheggiate in corridoio dato il momento di sovraffollamento, peraltro gestito benissimo nei limiti del possibile dal personale.
Riferito al reparto di NEONATOLOGIA
Ho avuto modo di conoscere il reparto di pneumologia per una spirografia di controllo per sospetto asma. Come già successo in precedenza in altri reparti della stessa struttura mi sono trovato benissimo, medici competenti, accettazione che pur gestendo un'enorme volume di prestazioni funziona alla perfezione. Entrato ed uscito in mezz'ora con l'esito degli esami in mano, difficile trovare qualcosa da migliorare
Riferito al reparto di PNEUMOLOGIA
Esperienza orribile: parto notturno alla clinica mangiagalli dove ti aspetti che tutte le ostetriche siano di alto livello. Invece l ostetrica di turno non sapeva nulla ed ha lasciato mia moglie dilatata al 100% per due ore in attesa che il bambino uscisse rischiano enormi sofferenze fetali. Il bambino si é salvato solo perche con il cambio turno la nuova ostetrica ha capito il rischio ed é intervenuta prontamente. Non tutto lo staf della mangiagalli è capace ma non te lo aspetteresti da un nome cosi importante.. al puerperio poi la tragedia. Non hanno controllato che l allattamento fosse efficente e hanno mandato in clisi glicemica il neonato rischiando danni celebrali! Partorire alla mangiagalli é pericoloso e lo vogliamo far sapere a tutti quelli che vogliono inbattersi in una scelta cosi sbagliata come la nostra
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
Prontosoccorso nuovissimo davvero efficente, ho portato mia mamma per una forte dolore alla testa localizzato.
Al triage frettolosamente e ingenuanente assegnano codice verde (basti pensare che il medico di famiglia telefonicamente aveva hià intuito di cosa si trattasse) superata questa fase abbiamo ricevuto grande attenzione e ottimo sostegno.
Mia mamma è stata ricoverata immediatamente per emorragia subdurale.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Gli infermieri del pronto soccorso e il medico chirugo che sono venuti in mio aiuto si sono dimostrati davvero professionali e tempestivi nel trovare una soluzione ingenosa per liberarmi da un ospite indesiderato che si era annidato nel mio orecchio. Quando mi sono presentata al pronto soccorso mi hanno subito assistito e nella visita di controllo a distanza di qualche giorno hanno confermato l'atteggiamento serio e allo stesso tempo "umano".
Riferito al reparto di CHIRURGIA GENERALE
Devo dire che ad oggi ho sempre goduto di ottima salute, una sera però ho avuto palpitazioni ed un forte dolore al petto. mi hanno ricoverato in astanteria sospettando un infarto ed ho passato la notte lì. Non so davvero come rendere la professionalità, l'umanità degli infermieri e la dedizione al loro lavoro. Nonostante la paura di non sapere cosa mi stava succedendo non mi sono mai sentito in pericolo nè abbandonato e credo che questo faccia la differenza..quindi..grazie!

(per la cronaca poi i dolori si sono rivelati un'indigestione, meglio così)
Riferito al reparto di ASTANTERIA

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Le donne combattenti di Chiara De Marchi: una mostra all'ospedale

II 15 giugno verrà inaugurata una mostra fotografica particolare, in un luogo particolare: quella delle immagini di Chiara De Marchi, fotografa e ...
Corriere Della Sera, 13 Giugno 2018


E Milano nascose in ospedale mille anni di tesori e misteri

Il Policlinico metterà a disposizione del pubblico le bellezze storiche e culturali della Ca' Granda, uno degli ospedali più antichi d'Italia. La sua biblioteca comprende documenti che si spingono dall'anno Mille fino a oggi e - attraverso la contabilità quotidiana e l'amministrazione di beni immobili di ...
Il Giornale, 02 Gennaio 2018


"Mi dia la bimba, devo visitarla": tenta di rapire una neonata in ...

Ha tentato di rapire una neonata di appena dieci giorni in ospedale. È successo nella clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano nel ...
La Repubblica, 10 Luglio 2017


Milano, una donna ha cercato di rapire una neonata in ospedale ...

Una donna, spacciandosi per dottoressa, ha cercato di strappare una neonata dalle braccia della madre alla clinica Mangiagalli di Milano: ...
Il Giornale, 10 Luglio 2017


Milano, cerca di portare via una neonata alla madre in ospedale ...

È successo nel primo pomeriggio di oggi alla clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano durante l'orario di visita. La piccola era nella culla ...
Il Fatto Quotidiano, 10 Luglio 2017


«Vogliamo risposte. Non si può morire così in un ospedale»

«Cosa volete che vi dica su Claudia... Non c’è niente da dire, parlate col mio avvocato, si occupa lui di tutto». Il volto segnato dal dolore, papà Giuliano ieri ha aperto la macelleria di famiglia a Grosio in un inutile tentativo di ritorno alla normalità. Dai clienti una parola di conforto, un abbraccio. Da una parte la volontà di un paese sotto choc di manifestare il proprio affetto e vicinanza, dall’altro la consapevolezza che non c’è modo per lenire lo strazio.
La Provincia (CO-LC-SO), 01 Maggio 2016


Nuovo personale in arrivo in ospedale

Tre medici anestesisti rianimatori in più e sei infermieri, verranno assunti a tempo indeterminato a beneficio dei servizi di emergenza e urgenza intraospedaliera, per coprire i turni sui mezzi di soccorso che fanno capo all’Azienda socio sanitaria territoriale di Valtellina e Alto Lario.
La Provincia (CO-LC-SO), 01 Maggio 2016


Grosio, aspettava due gemelli: Claudia Bordoni è morta in ospedale

Una grosina di 36anni, Claudia Bordoni, al quinto mese di gravidanza e i suoi due gemellini che portava in grembo sono tutti e tre deceduti nei giorni scorsi in ospedale. Claudia era in cura all’ospedale San Raffaele, dove si era sottoposta alla procreazione medicalmente assistita, ma è morta, giovedì pomeriggio, alla clinica Mangiagalli di Milano.
Il Giorno, 30 Aprile 2016


Donna muore durante il parto dei due gemelli in ospedale

Una donna di 45 anni, originaria della Valtellina (Sondrio), è morta giovedì all’ospedale Policlinico di Milano, dove era ricoverata per complicazioni derivanti dalla procreazione medica assistita cominciata all’ospedale San Raffaele di Milano. Doveva partorire due gemelli. I medici, poiché si era verificata un’emorragia, hanno cercato di praticare un cesareo d’urgenza che non è riuscito. La donna è morta, come non sono sopravvissuti i due feti.
Corriere Della Sera, 29 Aprile 2016


Doveva partorire due gemelli: donna muore in ospedale

Una 36enne, originaria della Valtellina (Sondrio), è morta venerdì in ospedale a Milano. La donna - che era in attesa di due gemelli - si era affidata alla procreazione medicalmente assistita per riuscire a coronare il sogno di diventare madre.
Il Giorno, 29 Aprile 2016


Indirizzo

IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

via san barnaba, 8 - milano (MI)
Contatta l'ospedale