Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico

 
7.3

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso molto buona e nell'ultimo periodo la sua valutazione è in rialzo.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.




Distaccamenti di questo ospedale

Fatebenefratelli e Oftalmico CORSO DI PORTA NUOVA 23 - Milano (MI)
Macedonio Melloni VIA MACEDONIO MELLONI 52 - Milano (MI)


Andamento del voto

5 Recensioni (non influenzano il voto dell'ospedale)

Sono stata operata per vari problemi alla colonna vertebrale.Dott Assietti e tutto il personale sono meravigliosi,bravissimi,molto professionali e umani.a breve devo fare un altro intervento non semplice,ma,con loro mi sento già guarita.ringrazio ogni giorno della mia vita di aver conosciuto loro.un reparto molto pulito,il personale educatissimo e cortese.semplicemente GRAZIE.
Riferito al reparto di NEUROCHIRURGIA
Come parenti di paziente ricoverato nel reparto di neurologia intendiamo portare alla Vs. attenzione la situazione del paziente che sta progressivamente deteriorandosi. Numerosi episodi di malgarbo,aggressivita e scarsa professionalita da parte del personale paramedico di reparto sono culminati ieri in una esplosione verbale di parolacce e bestemmia da parte dell'infermiere Luca, cui era stato chiesto di rimettere a letto il degente. La frase piu grave detta in questa circostanza è stata: vuoi deciderti ad alzarti e camminare? Dopo questo è stato sbattuto con malgarbo sul letto. Ovviamente il paziente ha riportato uno shock e ha continuato a dire di chiamare la polizia. Episodi di aggressività verbale e la modalità di trasferimento carrozzina letto in modo impropri come ho detto, purtroppo sono la prassi da vari giorni e l'atteggiamento psicologico del paziente, umiliato e spaventato, sta diventando ulteriore ostacolo al processo di riabilitazione. Il paziente é in attesa di trasferimento ad una struttura riabilitativa pertanto riteniamo che si debbano FARE AL PIU PRESTO i passi necessari per procedere alle dimissioni PROTETTE che permettano l'inizio di un percorso di recupero gravemente minacciato da questi comportamenti del personale. Oltretutto il fatto che non venga utilizzato il sollevamento per trasferimenti rende la manovra incresciosa e non tutti i giorni il paziente puo stare seduto. Inutile credo ricordarVi che un allettamento prolungato in fase iniziale in pazienti fragili compromette gravemente il recupero motorio e cognitivo. Ogni giorno che passa in questa situazione di incomprensione e scarsa attenzione rappresenta un serio rischio per il futuro. Inoltre il paziente che di notte si agita viene legato al letto in maniera eccessivamente stretta tanto che ha sanguinato nella gamba affetta da varici. Vi invito a dare tempestiva risposta ma soprattutto di mettere in campo tutte le risorse possibili per un IMMEDIATO TRASFERIMENTO IN UNA STRUTTURA ADEGUATA al difficile processo di recupero che ci attende.
Distinti saluti
Riferito al reparto di NEUROCHIRURGIA
Parto indotto per oligoidramnios pochi giorni prima della dpp. 3 induzioni senza nulla di fatto, 24 ore consecutive tenuta in sala travaglio senza dormire in mezzo alla luce e alle grida delle partorienti, io senza nemmeno una contrazione. Visti turnare un ginecologo dopo l'altro: solo uno gentile e disposto a rispondere alle mie domande, gli altri distaccati e in qualche caso maleducati. Alla fine cesareo.
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
A maggio 2014, alla ventinovesima settimana di gravidanza, sono stata ricoverata d’urgenza nel reparto Patologia della gravidanza. Dopo una settimana di monitoraggi, hanno deciso di farmi partorire con taglio cesareo per non sottoporre a ulteriore stress il feto e mi hanno spostata nel reparto Puerperio. La mia valutazione è positiva, ho avuto la sensazione di essere in buone mani e di essere seguita molto bene. La ginecologa che ha fatto nascere mia figlia telefonava ogni giorno alla mia ginecologa privata, che lavora in un altro ospedale, per informarla sulle mie condizioni e per decidere insieme come procedere. In sala parto, dai chirurghi agli infermieri, sono stati tutti molto gentili, addirittura scherzosi, e questo mi ha molto tranquillizzata. L’unica pecca l’ho trovata nelle ostetriche della Patologia, molto brave ma un po’ grezze, forse non sono molto preparate nell’approccio psicologico verso le pazienti o forse sono in numero troppo scarso e non riescono ad avere certe accortezze. Però urlare in corridoio che il monitoraggio di mia figlia faceva schifo non è stato il massimo. Al contrario, nel reparto Puerperio, le ostetriche sono molto premurose e disponibili. La struttura è obsoleta ma pulita.
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
Mia figlia, nata a 30 settimane e con un peso molto inferiore rispetto a quello previsto per quell’epoca gestazionale, è stata ricoverata 55 giorni in Tin. Il reparto è piccolo, ma la professionalità di medici e infermieri è di altissimo livello. Tutti i bambini vengono seguiti costantemente dai medici di turno e accuditi con competenza e tantissima umanità dagli infermieri pediatrici. Ogni bambino viene assegnato a un piccolo gruppo di infermieri per fare in modo che venga assistito sempre dalle stesse persone e che si crei, per quanto possibile, un senso di familiarità.
I genitori vengono informati quotidianamente e con molta chiarezza dello stato di salute dei figli e delle cure previste. Le mamme sono coinvolte da subito nella cura del proprio bambino, anche se piccolissimo, e invitate a cambiarlo, vestirlo, coccolarlo e fare, appena il neonato è in grado di respirare da solo, la marsupio terapia. Una volta dimessi, i bambini iniziano il percorso di follow up sempre con la stessa équipe. Anche in ambulatorio i medici si dimostrano gentili, scrupolosi e molto disponibili nel rispondere alle domande e ai dubbi dei genitori.
Riferito al reparto di TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

In questo ospedale tutti i bambini si sentono a casa

Arte come terapia, clown in corsia, cani e conigli per amici, ma anche cure mediche avanzate e supporti psicologici per adolescenti “difficili”: così è rinato un reparto “morto”
Corriere Della Sera, 04 Aprile 2016


Fatebenefratelli, intascavano soldi allo sportello dell'ospedale: 5 denunciati

Scoperta truffa al Fatebenfratelli: cinque dipendenti dell'ospedale sono stati denunciati dai carabinieri del Nas per truffa e peculato per essersi appropriati dei soldi delle prestazioni sanitarie dei cittadini. I dipendenti - due dei quali già licenziati dalla struttura ospedaliera - sono tutti addetti allo sportello Cup.
Il Giorno, 09 Novembre 2015


Indirizzo

Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico

corso di porta nuova, 23 - milano (MI)
Contatta l'ospedale