Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona - ULSS 9 Scaligera

 
7.6

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso molto buona e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.




Distaccamenti di questo ospedale

Ospedale Civile Maggiore Piazzale Stefani, 1 - Verona (VR)
Policlinico PIAZZALE L. A. SCURO, 10 - Verona (VR)

2 Recensioni (non influenzano il voto dell'ospedale)

La storia di Raffaella M.: Sindrome di Rokitansky

Alle soglie dei 13 anni, sviluppata almeno fisicamente, non avevo ancora le mestruazioni. Così son andata dal ginecologo, amico di famiglia, per provare a capire cos'avessi. Purtroppo IO sono stata sfortunata perchè quel ginecologo non ci ha capito nulla. Mi ha solo imbottita di ormoni facendomi gonfiare e riempire di peli. E' solo a 21 che cambiando ginecologo, con una SEMPLICE VISITA GINECOLOGICA, ho saputo cos'avessi. La sindrome, da cui ero affetta dalla nascita, comporta assenza di utero e vagina, per...Leggi tutta la storia
Complimenti , Dottori molto disponibili.Molto chiari nel parlare ai pazienti.
Riferito al reparto di PEDIATRIA

Specializzazione

7.6

Specializzazione in tumore maligno secondari di colon e retto


Una neoplasia (dal greco neos, «nuovo», e plásis, «formazione») o un tumore (dal latino tumor, «rigonfiamento») detta anche Anna, indica, in patologia, «una massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso ed in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e che persiste in questo stato dopo la cessazione degli stimoli che hanno indotto il processo», come chiarisce la definizione coniata dall'oncologo Rupert Allan Willis, accettata a livello internazionale.


Perché questo voto?

La ottima valutazione per la specializzazione in tumore maligno secondari di colon e retto deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta un numero medio di pazienti con questa patologia, mentre i reparti in cui li cura risultano essere ottimi, con valutazione molto superiore alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 7.6 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Cancro al pancreas, nuova terapia

Un gruppo internazionale di scienziati guidati da Davide Melisi, ricercatore di Oncologia medica dell’Università di Verona, ha identificato una nuova strategia terapeutica per il trattamento dei pazienti affetti da cancro del pancreas in stadio avanzato. I ricercatori hanno dimostrato che la molecola galunisertib è in grado di inibire l’attività del TGFβ, uno dei fattori principali di crescita e diffusione della malattia. Il nuovo farmaco in aggiunta a una chemioterapia standard con gemcitabina, comunemente impiegata contro questa patologia, può infatti aumentare in maniera statisticamente significativa la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione dalla malattia in pazienti affetti da cancro del pancreas avanzato con un profilo di tossicità molto favorevole.
Il Mattino di Padova, 19 Aprile 2016


Cancro al pancreas, nuova terapia

Un gruppo internazionale di scienziati guidati da Davide Melisi, ricercatore di Oncologia medica dell’Università di Verona, ha identificato una nuova strategia terapeutica per il trattamento dei pazienti affetti da cancro del pancreas in stadio avanzato. I ricercatori hanno dimostrato che la molecola galunisertib è in grado di inibire l’attività del TGFβ, uno dei fattori principali di crescita e diffusione della malattia.
La nuova di Venezia e Mestre, 19 Aprile 2016


Cancro al pancreas, firma veronese per la nuova terapia

Un gruppo internazionale di scienziati guidati da Davide Melisi, ricercatore di Oncologia medica dell’Università di Verona, ha identificato una nuova strategia terapeutica per il trattamento dei pazienti affetti da cancro del pancreas in stadio avanzato. I ricercatori hanno dimostrato che la molecola galunisertib è in grado di inibire l’attività del TGF?
L'Arena, 18 Aprile 2016


Tumore al seno e rischio osteoporosi: cure gratis, ma poche donne le fanno

Prevenire i possibili danni ossei causati dalle terapie anticancro nelle donne con un tumore al seno si può e si deve, ma in Italia si fa ancora poco in questo senso. Nel nostro Paese, infatti, ogni anno 250mila pazienti curate per un carcinoma mammario iniziano la terapia ormonale adiuvante (per prevenire le ricadute) con inibitori dell’aromatasi e sebbene 9 su 10 siano a conoscenza del legame tra questa cura e l’osteoporosi, solo il 43 per cento di loro non viene sottoposto ai trattamenti per prevenire danni ossei.
Corriere Della Sera, 11 Aprile 2016


A Borgo Trento il centro per invecchiare bene

Invecchiare si deve: nessuno ha ancora scoperto un miracoloso elisir di lunga vita. Ma «come» si invecchia fa la differenza. Buona parte della gente - un quarto, dicono le statistiche - è nata prima degli anni Cinquanta. Grazie alla medicina l’aspettativa di vita è aumentata (84 anni per le donne; 79 per gli uomini).
L'Arena, 07 Aprile 2016


Azienda-Usl verso l'integrazione

Un passo avanti verso l’integrazione tra Azienda Ospedaliera e Usl. La legge di stabilità dello Stato contiene una misura in tema di sanità particolarmente importante, ossia la possibilità di accorpare aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere universitarie.
Il Mattino di Padova, 30 Marzo 2016


Università degli studi di Verona: Parte da Verona la rivoluzione nella lotta ai tumori del pancreas

Squamoso, progenitore pancreatico, immunogenico e a differenziazione mista esocrina-endocrina. Così gli scienziati dell’università di Verona e dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata impegnati nel progetto Genoma del cancro, di cui sono capofila per l’Italia, hanno battezzato i quattro tipi di tumore del pancreas.
Le Scienze, 02 Marzo 2016


Furto da mezzo milione in ospedale Depredato delle apparecchiature

Oltre venti strumenti endoscopici, fra gastroscopi e coloncoscopi per adulti e pediatrici e duodenoscopi, sono stati rubati nelle stanze del Servizio di Endoscopia Digestiva all’ospedale di Borgo Roma, a Verona. Tutti gli strumenti erano della stessa marca e compatibili con alcune centraline che fanno parte anch’esse del bottino dei malviventi. Il valore economico delle apparecchiature è attorno al mezzo milione di euro.
Corriere Della Sera, 23 Febbraio 2016


Bambini in sovrappeso (anche) quando si esagera con le proteine

Nonostante il modello alimentare mediterraneo venga sempre indicato come uno dei più salutari, è tuttora molto diffusa l’idea che, quando si tratta di prevenire, o ridurre il sovrappeso, sia più conveniente abbondare con le proteine, specie quelle della carne, riducendo i carboidrati, come quelli dei cereali. E questo anche nel caso di bambini e adolescenti.
Corriere Della Sera, 17 Febbraio 2016


Tutte riattaccate le quattro dita tranciate dalla lama

Dopo la paura, il miracolo: i medici del reparto di chirurgia della mano dell’azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona sono riusciti a riattaccare a Isabella Lorenzi le quattro dita tranciate da una taglierina venerdì pomeriggio.
Il Giornale di Vicenza, 14 Febbraio 2016


Indirizzo

Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona - ULSS 9 Scaligera

piazzale aristide stefani, 1 - verona (VR)
Contatta l'ospedale