Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti Di Trieste - Cattinara

7.4

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso ottima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.


0 Recensioni (non influenzano il voto)

Specializzazione

7.4

Specializzazione in abuso di alcool


L'alcolismo è una sindrome patologica costituita dalla dipendenza al consumo di alcol. È caratterizzato da un consumo compulsivo di alcol, a scapito delle relazioni sociali del bevitore, della sua posizione sociale e della sua salute. Come per altre dipendenze da droghe, l'alcolismo è considerato una malattia curabile. Il termine alcolismo è ampiamente usato ed è stato coniato nel 1849 da Magnus Huss, ma in medicina il termine è stato sostituito dal concetto di "abuso di alcol" e "dipendenza da alcol" come specificato nel DSM III del 1980. Allo stesso modo, nel 1979, un comitato dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ha consigliato l'abbandono dell'uso del termine "alcolismo" come entità diagnostica, preferendo la categoria di "sindrome da dipendenza da alcool". I meccanismi biologici alla base dell'alcolismo sono incerti, tuttavia, fattori di rischio includono l'ambiente sociale, lo stress, la salute mentale, la predisposizione genetica, l'età, l'etnia e il sesso. L'abuso a lungo termine di alcool produce cambiamenti fisiologici nel cervello, come la tolleranza e la dipendenza fisica. Tali cambiamenti, relativi alla chimica del cervello, portano l'alcolista all'incapacità compulsiva di smettere di bere. I danni dall'abuso di alcol colpiscono quasi ogni organo del corpo, compreso il cervello, causando una serie di disturbi fisici e psichici. L'alcolismo è la presenza costante della tolleranza, dell'astinenza e dell'uso eccessivo di alcol. L'incapacità del bevitore di controllarne l'assunzione, nonostante la consapevolezza del danno alla propria salute, indica che la persona potrebbe essere un alcolizzato. La diagnosi è realizzabile grazie a dei questionari e la disintossicazione avviene per mezzo di terapie di gruppo e con l'utilizzo di farmaci come le benzodiazepine, utilizzate per la cura dei sintomi dell'astinenza. Spesso gli alcolisti risultano dipendenti anche da altre sostanze, per la maggior parte da benzodiazepine; ciò può richiedere ulteriori cure mediche. Rispetto agli uomini, le donne sono più sensibili all'alcol e più inclini a subire i deleteri effetti fisici, cerebrali e psicologici. Le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità parlano di 140 milioni alcolisti in tutto il mondo. In clinica ci si riferisce all'alcolismo anche mediante l'utilizzo del termine latino potus (potare, bere) per indicare la compulsione a bere alcolici.


Perché questo voto?

La ottima valutazione per la specializzazione in abuso di alcool deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta pochi pazienti con questa patologia, tuttavia i reparti in cui li cura risultano essere ottimi, con valutazione molto superiore alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 8.2 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Trieste, ressa al pronto soccorso, barelle esaurite

Barelle esaurite per troppi pazienti? Ecco allora che arrivano i nostri: le ambulanze si fermano nel garage dove di norma ”recapitano” all’ospedale persone infortunate o colte da malore e ”prestano” pure le loro barelle. Il fatto è che così, anziché ripartire e rimettersi nel circolo del sistema d’emergenza, restano ferme in quel garage finché un paziente (o perché sta meglio e viene dimesso o perché viene ricoverato) non lascia la lettiga di fortuna.
Il Piccolo, 14 Aprile 2016


I pazienti promuovono gli assistenti di sala

Si riconoscono da una felpa blu e un cartellino. Si avvicinando ai pazienti, soprattutto quelli soli, per aiutarli nelle piccole cose: un bicchiere d'acqua, una coperta, una parola di conforto. Ma anche per informare sui tempi di attesa. Sono gli “assistenti di sala” introdotti al Pronto soccorso di Cattinara, per la prima volta in Friuli Venezia Giulia, dal Commissario straordinario dell'ospedale Nicola Delli Quadri. Un servizio che, affiancato agli altri interventi per riorganizzare il reparto, i cittadini sembrano gradire.
Il Piccolo, 07 Aprile 2016


«La radioterapia? Tra 5 mesi.» Si salva andando a Trieste

Cinque mesi di attesa per iniziare la radioterapia e fermare un duplice cancro al seno. Troppi, anche per gli stessi medici. È salva grazie a un “un posto” trovato a Trieste. Quella dell’udinese Cristina è una storia in cui il tempo ha un’importanza fondamentale: anche un singolo giorno può fare la differenza.
Messaggero Veneto, 07 Aprile 2016


Inventato da un udinese “l’occhio” che cura i tumori

Si tratta del chirurgo udinese Giancarlo Tirelli, stelliniano, 52 anni, dirige la Clinica otorinolaringoiatrica degli ospedali riuniti di Trieste e ha ideato un metodo che impiega un “occhio elettronico” capace di individuare il tumore nella primissima fase, quando non è visibile a occhio nudo abbinandolo alla chirurgia mininvasiva attraverso la bocca o le narici per rimuoverlo con massima precisione.
Messaggero Veneto, 01 Marzo 2016


Filmava le parti intime delle bimbe in ospedale: infermiere nei guai

La più piccola ha 4 anni. La più grande 15. Il pm Pietro Montrone ha chiesto il rinvio a giudizio di Mauro Cosolo, l'infermiere 59enne dell'Ospedale infantile Burlo Garofolo accusato di atti sessuali con minorenni e detenzione di materiale pornografico. L'uomo filmava di nascosto le parti intime delle piccole pazienti durante le visite. Il 16 settembre si celebrerà l'udienza davanti al Gip Luigi Dainotti.
Il Gazzettino, 18 Luglio 2015


Indirizzo

Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti Di Trieste - Cattinara

strada di fiume 447, 9 - trieste (TS)
Contatta l'ospedale

I migliori ospedali nei dintorni per specializzazione in abuso di alcool