Ospedale Santa Maria della Misericordia

8.1

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso ottima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.


8 Recensioni (non influenzano il voto)

Ospedale Santa Maria della Misericordia
Ho avuto modo di conoscere l''esistenza di questo reparto quando mio papà Armando è peggiorato irreversibilmente. Ho trovato un anticamera del Paradiso, dove il personale medico ed infermieristico possiede, oltre alle capacità della professione, una dote alquanto rara in questo ambito : l''umanità.
Hanno accompagnato me ed i miei parenti con dolcezza infinita fino all''ultimo respiro di mio papà, dando al paziente tutta la dignità che merita in un momento così greve e delicato.
Non finirò mai di ringraziarli, tutti, indistintamente.
Ho avuto modo di conoscere l''esistenza di questo reparto quando mio papà Armando è peggiorato irreversibilmente. Ho trovato un anticamera del Paradiso, dove il personale medico ed infermieristico possiede, oltre alle capacità della professione, una dote alquanto rara in questo ambito : l''umanità.
Hanno accompagnato me ed i miei parenti con dolcezza infinita fino all''ultimo respiro di mio papà, dando al paziente tutta la dignità che merita in un momento così greve e delicato.
Non finirò mai di ringraziarli, tutti, indistintamente.
Riferito al reparto di CURE PALLIATIVE/HOSPICE
Ospedale Santa Maria della Misericordia
E'' dal 2013 che sono seguito dal Dott. Claudio Valotto, attuale primario del Reparto.
Sono affetto da sindrome di VHL. Nel 2013 mi hanno fatto NUT destra per K maligno del rene.
Da quel momento sono subentrati problemi anche al rene di sinistra per i quali sono costantemente seguito, monitorato e curato dal dott. Valotto e dalla sua equipe.
Tutte le volte che ho a che fare con loro mi stupisco per la professionalità e l''umanità che mi riservano.
E'' dal 2013 che sono seguito dal Dott. Claudio Valotto, attuale primario del Reparto.
Sono affetto da sindrome di VHL. Nel 2013 mi hanno fatto NUT destra per K maligno del rene.
Da quel momento sono subentrati problemi anche al rene di sinistra per i quali sono costantemente seguito, monitorato e curato dal dott. Valotto e dalla sua equipe.
Tutte le volte che ho a che fare con loro mi stupisco per la professionalità e l''umanità che mi riservano.
Riferito al reparto di UROLOGIA
Ospedale Santa Maria della Misericordia
A seguito della diagnosi di una neoformazione renale, il 18/11/2020 sono stato sottoposto a un intervento di nefrectomia radicale destra con risparmio del surrene, asportazione di trombo in vena renale e infradenectomia. Nonostante l’età (89 anni, non esattamente un giovincello !) e le comorbidità, l’intervento ha avuto successo e nel giro di pochi giorni sono stato dimesso e sono tornato a casa. Voglio esprimere la mia gratitudine e l’apprezzamento non solo mio, ma di tutta la mia famiglia, per l’elevatissima professionalità, l’attenzione e la competenza con la quale sono stato accompagnato, curato e assistito in questo drammatico momento, tanto più a fronte delle difficoltà straordinarie che l’epidemia Covid-19 sta creando negli ospedali. Un grazie particolare va al chirurgo, dott. Claudio Valotto, la cui straordinaria competenza, energia vitale e umanità mi hanno consentito di essere ancora a casa, pronto per festeggiare (nel rispetto delle distanze !) anche questo Natale! E grazie a tutto il personale medico e infermieristico della Soc. Clinica di Urologia diretta dal dott. Valotto, agli anestesisti, agli internisti e ai consulenti di oncologia e radioterapia che si sono occupati di me, sia per il lavoro egregio che hanno svolto, sia per avermi trattato con la stessa attenzione e dedizione riservata alle persone più giovani: un atteggiamento niente affatto scontato, che conferma l’eccellenza del reparto e la grande umanità del personale.
A seguito della diagnosi di una neoformazione renale, il 18/11/2020 sono stato sottoposto a un intervento di nefrectomia radicale destra con risparmio del surrene, asportazione di trombo in vena renale e infradenectomia. Nonostante l’età (89 anni, non esattamente un giovincello !) e le comorbidità, l’intervento ha avuto successo e nel giro di pochi giorni sono stato dimesso e sono tornato a casa. Voglio esprimere la mia gratitudine e l’apprezzamento non solo mio, ma di tutta la mia famiglia, per l’elevatissima professionalità, l’attenzione e la competenza con la quale sono stato accompagnato, curato e assistito in questo drammatico momento, tanto più a fronte delle difficoltà straordinarie che l’epidemia Covid-19 sta creando negli ospedali. Un grazie particolare va al chirurgo, dott. Claudio Valotto, la cui straordinaria competenza, energia vitale e umanità mi hanno consentito di essere ancora a casa, pronto per festeggiare (nel rispetto delle distanze !) anche questo Natale! E grazie a tutto il personale medico e infermieristico della Soc. Clinica di Urologia diretta dal dott. Valotto, agli anestesisti, agli internisti e ai consulenti di oncologia e radioterapia che si sono occupati di me, sia per il lavoro egregio che hanno svolto, sia per avermi trattato con la stessa attenzione e dedizione riservata alle persone più giovani: un atteggiamento niente affatto scontato, che conferma l’eccellenza del reparto e la grande umanità del personale.
Riferito al reparto di UROLOGIA
Ospedale Santa Maria della Misericordia
Ottima assistenza, considerato il momento e l''importanza dell''intervento si può definire ECCELLENZA
Ottima assistenza, considerato il momento e l''importanza dell''intervento si può definire ECCELLENZA
Riferito al reparto di CHIRURGIA VASCOLARE
Ospedale Santa Maria della Misericordia
Sono stato operato in anestesia locale dal chirurgo Dott. Rossetti. Un medico chirurgo molto giovane ma sa il fatto suo. Quello che mi e'' piaciuto che sotto i ferri mi ha spiegato cosa mi stava facendo e sempre detto se hai male dimmi che ci fermiamo. Mi ha tolto una fetta di linfonodo inguinale sia col bisturi meccanico che quello elettrico. Anestesista donna molto in gamba e personale in sala operatoria super. Ottimo. Mi avevano detto in reparto di stare almeno un ora sul letto dopo l''operazione per dare tempo ai punti di asciugarsi ma io come sempre dopo mezzora sono saltato giu dal letto per andare a bere qualcosa ma le infermiere mi hanno inseguito giustamente e riportato sul letto. mi hanno portato dopo loro da bere e da mangiare. Poi c''e una infermiera in ematologia che col suo accento sembra francesina ma e'' friulana doc. Persona molto gentile e cortese e sempre a disposizione in caso di chiamata.....
Non potevo sperare di meglio mi hanno trattato tutti come una persona e non come un numero. GRAZIE e continuate cosi''....questo fa dell''ospedale santa maria della misericordia un eccellenza nazionale.
Sono stato operato in anestesia locale dal chirurgo Dott. Rossetti. Un medico chirurgo molto giovane ma sa il fatto suo. Quello che mi e'' piaciuto che sotto i ferri mi ha spiegato cosa mi stava facendo e sempre detto se hai male dimmi che ci fermiamo. Mi ha tolto una fetta di linfonodo inguinale sia col bisturi meccanico che quello elettrico. Anestesista donna molto in gamba e personale in sala operatoria super. Ottimo. Mi avevano detto in reparto di stare almeno un ora sul letto dopo l''operazione per dare tempo ai punti di asciugarsi ma io come sempre dopo mezzora sono saltato giu dal letto per andare a bere qualcosa ma le infermiere mi hanno inseguito giustamente e riportato sul letto. mi hanno portato dopo loro da bere e da mangiare. Poi c''e una infermiera in ematologia che col suo accento sembra francesina ma e'' friulana doc. Persona molto gentile e cortese e sempre a disposizione in caso di chiamata.....
Non potevo sperare di meglio mi hanno trattato tutti come una persona e non come un numero. GRAZIE e continuate cosi''....questo fa dell''ospedale santa maria della misericordia un eccellenza nazionale.
Riferito al reparto di EMATOLOGIA
Ospedale Santa Maria della Misericordia
Sono ancora in cura, e ogni giorno mi sento fortunatissima di avere accanto questi medici, tutti, bravissimi, sempre gentili, disponibili ed in ascolto. Se non fosse per le loro parole e attenzioni non riuscirei ad avere la forza e la pazienza per portare avanti le cure.
I servizi e l''organizzazione sono praticamente ottimi!
L''unica mancanza che ho vissuto è rispetto all''assistenza infermieristica, sono come formiche che corrono tutto il tempo e non riescono, se non in rari casi, a dedicarsi veramente al paziente.
Sono ancora in cura, e ogni giorno mi sento fortunatissima di avere accanto questi medici, tutti, bravissimi, sempre gentili, disponibili ed in ascolto. Se non fosse per le loro parole e attenzioni non riuscirei ad avere la forza e la pazienza per portare avanti le cure.
I servizi e l''organizzazione sono praticamente ottimi!
L''unica mancanza che ho vissuto è rispetto all''assistenza infermieristica, sono come formiche che corrono tutto il tempo e non riescono, se non in rari casi, a dedicarsi veramente al paziente.
Riferito al reparto di UROLOGIA
Ospedale Santa Maria della Misericordia
Al momento del primo ricovero e secondo (intervento ripetuto) nulla da dire, anzi, personale ottimo sotto tutti i punti di vista, sempre disponibile; negli anni ai controlli periodici la situazione è letteralmente peggiorata, tant'è che ora mi reco a Gorizia per l'annuale cistoscopia e per tutti gli altri esami che la patologia impone nel tempo.
Al momento del primo ricovero e secondo (intervento ripetuto) nulla da dire, anzi, personale ottimo sotto tutti i punti di vista, sempre disponibile; negli anni ai controlli periodici la situazione è letteralmente peggiorata, tant'è che ora mi reco a Gorizia per l'annuale cistoscopia e per tutti gli altri esami che la patologia impone nel tempo.
Riferito al reparto di UROLOGIA
Ospedale Santa Maria della Misericordia
Eccellente assistenza
Eccellente assistenza
Riferito al reparto di RADIOTERAPIA ONCOLOGICA

Specializzazione

8.1

Specializzazione in blocco atrioventricolare completo


Il blocco atrio-ventricolare di III grado (BAV totale) è un disturbo della trasmissione dell'impulso cardiaco. La comunicazione tra il nodo atrio-ventricolare e il fascio di His viene regolarmente arrestato, quindi si ha un completo arresto dell'impulso e i ventricoli non si contraggono più. Questa condizione corrisponde ad un arresto cardiaco, ma tutte le parti del sistema di conduzione hanno un loro automatismo di scarica, per cui, dopo un periodo di latenza e quindi di arresto cardiaco, una zona del sistema di conduzione inizia a generare impulsi ritmici fungendo da pace-maker e i ventricoli ricominciano a contrarsi.


Perché questo voto?

La ottima valutazione per la specializzazione in blocco atrioventricolare completo deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta un numero medio di pazienti con questa patologia, mentre i reparti in cui li cura risultano essere buoni, con valutazione molto superiore alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 8.1 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Tre casi di malaria ogni mese, Udine scopre un nuovo test

Tre casi di malaria al mese, altrettanti ricoveri per tubercolosi. Il primo trimestre 2016 ha fatto registrare il tutto esaurito alla Clinica dei malattie infettive del Santa Maria della Misericordia di Udine. I 12 posti letto sono stati costantemente occupati e, in certi giorni, la richiesta dei pazienti era perfino superiore all’effettiva capienza della clinica. Dati che evidenziano un trend in salita sui già cospicui numeri degli anni precedenti: 52 ricoveri nel 2015, a fronte del 49 del 2014.
Messaggero Veneto, 18 Aprile 2016


Alleanza tra medici per nuove cure contro il cancro

Per combattere i tumori complessi è indispensabile “un’alleanza tra medici”. È sulla base di tale convinzione che è stato organizzato per venerdì e sabato a palazzo Kechler il primo aggiornamento in endocrinologia oncologica cui parteciperanno 25 esperti. Il meeting ideato dall’Ame (Associazione italiana medici endocrinologici) e dal dottor Franco Grimaldi, direttore del reparto di Endocrinologia e malattie del metabolismo - nutrizione clinica dell’ospedale Santa Maria della Misericordia e professore di Endocrinologia dell’università di Udine, sarà un momento di incontro tra la figura dell’endocrinologo e quella dell’oncologo.
Messaggero Veneto, 13 Aprile 2016


Nasce l'ospedale “virtuale”: formerà medici e professionisti della sanità

Nasce a Udine il primo ospedale virtuale del Friuli Venezia Giulia, dotato di sala operatoria, terapia intensiva, area chirurgica, radiologia e degenze, destinato alla formazione di studenti universitari, medici e professionisti sanitari. Si tratta del nuovo Centro di simulazione e alta formazione, frutto della collaborazione tra Università e Azienda ospedaliero universitaria “Santa Maria della Misericordia” di Udine.
Il Gazzettino, 05 Febbraio 2016


Appalti pilotati per il data center dell'ospedale: cinque a processo

A giudizio. Tutti e per tutte le accuse. Si è chiusa così, ieri, l'udienza preliminare del caso degli appalti «pilotati» per oltre 400mila euro per l'affidamento dei lavori di allestimento del data center del nuovo ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine e di manutenzione di quello esistente.
Il Gazzettino, 18 Luglio 2015


Indirizzo

Ospedale Santa Maria della Misericordia

piazzale santa maria della misericordia, 15 - udine (UD)
Contatta l'ospedale