Ospedale Morgagni - Pierantoni

6.7

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso buona e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.




Distaccamenti di questo ospedale

Morgagni - Pierantoni VIA FORLANINI 34 - Forlì (FC)
Nefetti VIA FORESE N. 20 - Santa Sofia (FC)
Ospedale di Forlimpopoli VIA DUCA D'AOSTA N. 33 - Forlimpopoli (FC)


Andamento del voto

5 Recensioni (non influenzano il voto)

Ospedale Morgagni - Pierantoni
Sarebbe una esperienza positiva ma errori che ho riscontrato mi lasciano di esprimere mia opinione.Prima cosa mio figlio si sotto posto al intervento setto nasale,dopo intervento doveva infondere liquidi come da indicazioni del anestesista ,al cambio di flebo nel deflusore ho visto 4-5 cc di l'aria ho fatto notare alla infermiera ma ha detto che va bene cosi,che non è vero ,in deflussore non deve esserci l'aria per niente,ha messo in rischio un paziente.Poi un altra infermiera per staccare la flebo e chiudere un accesso venoso mi ha lasciato un tappino non confezionato che ha trovato sul carrello,quindi non sterile.Mi chiedo queste infermieri dove hanno studiato?Pensano che gente sono stupide!Ultimo giorno non è stato dato il pranzo,dimissione è stato deciso stesso giorno quindi mi dovevo organizzare per poter andare prendere mio figlio,aggiungo che un ragazzo disabile,complimenti
Sarebbe una esperienza positiva ma errori che ho riscontrato mi lasciano di esprimere mia opinione.Prima cosa mio figlio si sotto posto al intervento setto nasale,dopo intervento doveva infondere liquidi come da indicazioni del anestesista ,al cambio di flebo nel deflusore ho visto 4-5 cc di l'aria ho fatto notare alla infermiera ma ha detto che va bene cosi,che non è vero ,in deflussore non deve esserci l'aria per niente,ha messo in rischio un paziente.Poi un altra infermiera per staccare la flebo e chiudere un accesso venoso mi ha lasciato un tappino non confezionato che ha trovato sul carrello,quindi non sterile.Mi chiedo queste infermieri dove hanno studiato?Pensano che gente sono stupide!Ultimo giorno non è stato dato il pranzo,dimissione è stato deciso stesso giorno quindi mi dovevo organizzare per poter andare prendere mio figlio,aggiungo che un ragazzo disabile,complimenti
Riferito al reparto di OTORINOLARINGOIATRIA
Ospedale Morgagni - Pierantoni
Mia moglie è stata ricoverata nel reparto di pneumologia diretto dal Prof. Venerino Poletti per una sospetta granulomatosi di Wegener dal 1^ al 20 di Marzo. È arrivata in condizioni pessime a causa dell'interessamento polmonare della malattia. È stata curata in maniera eccellente e le sono stati fatti tutti gli accertamenti diagnostici necessari per avere la conferma della diagnosi.
La dottoressa Claudia Ravaglia ha eseguito una broncoscopia transbronchiale con biopsie polmonari, in maniera perfetta ...... proprio da manuale!
Dopo la diagnosi è stata iniziata la terapia specifica prevista dai protocolli vigenti e speriamo di avere i risultati sperati.
Visti gli ottimi livelli di professionalità che abbiamo potuto riscontrare in tutti gli operatori del reparto, medici, infermieri, ausiliari etc. Abbiamo preferito continuare qui la somministrazione della terapia che prevede un'infusone mensile anche se questo comporta un viaggio mensile dalla Sicilia alla Romagna.
L'ospedale è di recente costruzione, dotato di ottimi arredi e di apparecchiature all'avanguardia, tutto il personale concorre per una gestione efficiente della struttura, con abnegazione e grande disponibilità sia nei confronti dei pazienti che dei parenti che li assistono.
Il Reparto di Pneumologia è certamente una punta di diamante della Sanità Italiana in particolare per il trattamento della patologie rare che interessano l'apparato respiratorio.
Mia moglie è stata ricoverata nel reparto di pneumologia diretto dal Prof. Venerino Poletti per una sospetta granulomatosi di Wegener dal 1^ al 20 di Marzo. È arrivata in condizioni pessime a causa dell'interessamento polmonare della malattia. È stata curata in maniera eccellente e le sono stati fatti tutti gli accertamenti diagnostici necessari per avere la conferma della diagnosi.
La dottoressa Claudia Ravaglia ha eseguito una broncoscopia transbronchiale con biopsie polmonari, in maniera perfetta ...... proprio da manuale!
Dopo la diagnosi è stata iniziata la terapia specifica prevista dai protocolli vigenti e speriamo di avere i risultati sperati.
Visti gli ottimi livelli di professionalità che abbiamo potuto riscontrare in tutti gli operatori del reparto, medici, infermieri, ausiliari etc. Abbiamo preferito continuare qui la somministrazione della terapia che prevede un'infusone mensile anche se questo comporta un viaggio mensile dalla Sicilia alla Romagna.
L'ospedale è di recente costruzione, dotato di ottimi arredi e di apparecchiature all'avanguardia, tutto il personale concorre per una gestione efficiente della struttura, con abnegazione e grande disponibilità sia nei confronti dei pazienti che dei parenti che li assistono.
Il Reparto di Pneumologia è certamente una punta di diamante della Sanità Italiana in particolare per il trattamento della patologie rare che interessano l'apparato respiratorio.
Riferito al reparto di PNEUMOLOGIA
Ospedale Morgagni - Pierantoni
Dopo molte visite, analisi, citlogici, rx, tac ecc.per mesi di problemi broncopolmonari, mi informo sul reparto di Pneumologia interventistica dell'Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì a 17 km dalla mia residenza.Fuori dalla mia ausl. Dopo visita accurata, con prenotazione CUP (una prioritaria) vengo convocato dopo una decina di giorni per un ricovero in DayHospital.
Dalle 7.30 alle 14,30 dello stesso giorno (circa tre anni fa) mi fanno ECG, prelievi per analisi, spirometrie varie, colloqui, monitoraggi, broncoscopia, lavaggio polmonare, istologia, ecc.
La faccenda, poi, va avanti almeno due mesi perchè ci sono inserite anche analisi sul bacillo di Kock (TBC) ora più frequente anche in Italia e che necessita di 45 giorni di coltura.
Dopo colloqui vari, visite ulteriori e risposte, mi trovo ben curato, seguito e guarito in gran parte, pur avendo qualcosa di cronico e da seguire.
Tutto più che perfetto circa la disponibilità, la sveltezza, l'accuratezza, l'assistenza del personale medico e infermieristico dell'unità diretta dal Prof. Venerino Poletti che ha sicuramente messo in operatività una struttura efficiente e specialisticamente preparata. Grazie.
PS.: ad Agosto ottobre dell 2015 ho ancora avuto necessità di quel reparto e mi sono nuovamente trovato benissimo,: Anche a proposito di cure e invio a unità di Chirurgia toracica dello stesso nosocomio, per mia moglie. Tutto encomiabile.
Dopo molte visite, analisi, citlogici, rx, tac ecc.per mesi di problemi broncopolmonari, mi informo sul reparto di Pneumologia interventistica dell'Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì a 17 km dalla mia residenza.Fuori dalla mia ausl. Dopo visita accurata, con prenotazione CUP (una prioritaria) vengo convocato dopo una decina di giorni per un ricovero in DayHospital.
Dalle 7.30 alle 14,30 dello stesso giorno (circa tre anni fa) mi fanno ECG, prelievi per analisi, spirometrie varie, colloqui, monitoraggi, broncoscopia, lavaggio polmonare, istologia, ecc.
La faccenda, poi, va avanti almeno due mesi perchè ci sono inserite anche analisi sul bacillo di Kock (TBC) ora più frequente anche in Italia e che necessita di 45 giorni di coltura.
Dopo colloqui vari, visite ulteriori e risposte, mi trovo ben curato, seguito e guarito in gran parte, pur avendo qualcosa di cronico e da seguire.
Tutto più che perfetto circa la disponibilità, la sveltezza, l'accuratezza, l'assistenza del personale medico e infermieristico dell'unità diretta dal Prof. Venerino Poletti che ha sicuramente messo in operatività una struttura efficiente e specialisticamente preparata. Grazie.
PS.: ad Agosto ottobre dell 2015 ho ancora avuto necessità di quel reparto e mi sono nuovamente trovato benissimo,: Anche a proposito di cure e invio a unità di Chirurgia toracica dello stesso nosocomio, per mia moglie. Tutto encomiabile.
Riferito al reparto di PNEUMOLOGIA
Ospedale Morgagni - Pierantoni
Ricoverato per 4 giorni in relazione ad intervento per una importante poliposi nasale recidiva, ho avuto modo di apprezzare costantemente l'assoluta professionalità e l'inebriante competenza del team medico e paramedico. Ambiente estremamente pulito e una cordialità ed umanità non comuni elevano il Reparto ad un inconfutabile livello di eccellenza. Grazie di tutto !!!
Ricoverato per 4 giorni in relazione ad intervento per una importante poliposi nasale recidiva, ho avuto modo di apprezzare costantemente l'assoluta professionalità e l'inebriante competenza del team medico e paramedico. Ambiente estremamente pulito e una cordialità ed umanità non comuni elevano il Reparto ad un inconfutabile livello di eccellenza. Grazie di tutto !!!
Riferito al reparto di OTORINOLARINGOIATRIA
Ospedale Morgagni - Pierantoni
Ottimo il reparto di Degenza breve e sopratutto pulito!!
Professionalità e molta gentilezza sia dei medici sia del personale infermieristico.
Hanno fatto gli esami di accertamento celermente.
Ottimo il reparto di Degenza breve e sopratutto pulito!!
Professionalità e molta gentilezza sia dei medici sia del personale infermieristico.
Hanno fatto gli esami di accertamento celermente.
Riferito al reparto di PNEUMOLOGIA

Specializzazione

6.7

Specializzazione in toxocariasi


La toxocariasi è una zoonosi e una sindrome, ampiamente diffusa nel globo, causata dalla invasione del lume intestinale dell'uomo da parte di nematodi del genere Toxocara, specialmente toxocara canis e toxocara cati (parassiti frequenti nei cani e gatti e, per vicinanza, anche dell'uomo) che, penetrati per via oro-fecale, migrano verso tutto l'organismo dall'intestino, dove maturano le larve. L'uovo si sviluppa nel terreno, seminato dalle feci di cani e gatti malati. Passate all'uomo, il periodo di incubazione della malattia è di alcune settimane o mesi, a seconda della quantità di agenti infettanti ricevuti. Le uova, dopo essersi schiuse nell'intestino, danno origine alle larve che, perforando la parete intestinale, attraverso la circolazione sistemica, invadono tutto l'organismo. Praticamente tutti gli organi e tessuti possono essere colpiti, ma esiste una predilezione per il SNC, l'occhio, il fegato, il polmone ed il cuore. Le larve restano vive nei tessuti infestati per mesi, provocando danni e sensibilizzando i tessuti e causando una reazione granulomatosa focale, anche se dagli studi istologici, raramente è possibile riscontrare le larve nelle sezioni di tessuto. I pazienti accusano febbre, tosse ed epatomelalgia, eruzioni cutanee, splenomelalgia e polmonite ricorrente. Test per il riconoscimento dell'infezione erano, fino a pochi anni fa, solo il rinvenimento, nei tessuti, dell'agente infestante, il che, a causa delle bassa probabilità di poterne rinvenire, rendeva la diagnosi complicata. Oggi sono disponibili test sierologici affidabili. La prognosi è buona, anche perché la malattia è autolimitata, terminando in 6 massimo 18 mesi, se non esiste reinfezione. Non esiste una prassi terapeutica efficace e provata. Solo il mebendazolo è il farmaco che offre i migliori risultati ed è considerata la terapia elettiva. Utile la dietilcarbamazina, mentre il prednisone aiuta a placare i sintomi.


Perché questo voto?

La buona valutazione per la specializzazione in toxocariasi deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta un numero medio di pazienti con questa patologia, mentre i reparti in cui li cura risultano essere discreti, con valutazione allineata alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 6.9 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Lavori all'ospedale, l'Ausl rivela il progetto: 23 milioni in 8 anni

Lavori per 23 milioni di euro, interventi al pronto soccorso dell’ospedale ‘Morgagni-Pierantoni’ e monitoraggio delle liste d’attesa. Sono questi i fronti su cui sono al lavoro i tecnici dell’Ausl unica che, insieme al direttore generale dell’azienda Marcello Tonini, hanno presentato gli interventi sulla sanità forlivese durante il consiglio comunale. Riguardo al pronto soccorso, il direttore sanitario dell’Ausl Giorgio Guerra ha dichiarato che si interverrà per allargare la sala d’attesa.
Il resto del carlino, 24 Novembre 2015


Indirizzo

Ospedale Morgagni - Pierantoni

via carlo forlanini, 34 - forlì (FC)
Contatta l'ospedale