Arcispedale Santa Maria Nuova

7.9

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso ottima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è in ribasso.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.


2 Recensioni (non influenzano il voto)

Arcispedale Santa Maria Nuova
Dal P.S. sono stata mandata al reparto di osservazione breve per monitorare lo sviluppo dei sintomi. Le dottoresse sono passate spesso a spiegare cosa avrebbero fatto. Gli infermieri molto presenti e molto cortesi. Ottima la piccola brochure sul comodino con spiegazione del reparto e orari di visita, anche la mezza bottiglietta d'acqua è stata utile
Dal P.S. sono stata mandata al reparto di osservazione breve per monitorare lo sviluppo dei sintomi. Le dottoresse sono passate spesso a spiegare cosa avrebbero fatto. Gli infermieri molto presenti e molto cortesi. Ottima la piccola brochure sul comodino con spiegazione del reparto e orari di visita, anche la mezza bottiglietta d'acqua è stata utile
Riferito al reparto di ASTANTERIA
Arcispedale Santa Maria Nuova
Arrivo nelle prime ore del mattino. faccio meno di un'ora di attesa al triage. Ho avuto bisogno del bagno in quell'ora e ho notato che è stato pulito già in un'ora. I medici sono venuti spesso a parlare con me, mi hanno tenuta informata su ogni decisione che prendevano e su quelle che avevano intenzione di prendere.
Arrivo nelle prime ore del mattino. faccio meno di un'ora di attesa al triage. Ho avuto bisogno del bagno in quell'ora e ho notato che è stato pulito già in un'ora. I medici sono venuti spesso a parlare con me, mi hanno tenuta informata su ogni decisione che prendevano e su quelle che avevano intenzione di prendere.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO

Specializzazione

7.9

Specializzazione in sifilide


La sifilide, conosciuta anche come lue (dal greco λύω = sciolgo) e con numerosi altri nomi, è una malattia infettiva a prevalente trasmissione sessuale. È causata da un batterio, il Treponema pallidum, dell'ordine delle spirochete, che si presenta al microscopio come un piccolo filamento a forma di spirale, identificato nel 1905 da Fritz Schaudinn e Erich Hoffmann. Oltre che per via sessuale, il contagio può estendersi al feto, nella donna gravida con infezione recente, attraverso la placenta (trasmissione transplacentare). In tal caso, il feto presenta un quadro di sifilide congenita con malformazioni che possono interessare la cute e le mucose, l'apparato scheletrico, l'occhio, il fegato, il rene e il sistema nervoso centrale. Pertanto, questa malattia può essere contratta nella forma congenita in due modi: prima ancora della nascita, attraverso il sangue materno infetto; oppure alla nascita, durante la discesa nel canale del parto. Comunque, nella maggior parte dei casi, il contagio (possibile fin dalle primissime fasi della malattia) avviene attraverso i rapporti sessuali. I casi di acquisizione della malattia con le trasfusioni sono ormai rarissimi nel mondo, grazie ai controlli accurati che vengono effettuati prima che il sangue sia trasfuso. Ad August von Wassermann va il merito di aver scoperto il primo metodo biologico per compiere una diagnosi precisa sulla malattia.


Perché questo voto?

La ottima valutazione per la specializzazione in sifilide deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta molti pazienti con questa patologia, ma i reparti in cui li cura risultano essere discreti, con valutazione superiore alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 8.0 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Bimba muore in ospedale, la famiglia: "Dicevano fosse varicella ...

Reggio Emilia, bambina muore in ospedale: famiglia presenta esposto. La piccola Maya aveva tre anni ed era affetta dalla sindrome di down.
Il Giornale, 05 Novembre 2016


A Reggio Emilia una bimba di 3 anni muore in ospedale. La Procura ...

La Procura della Repubblica di Reggio Emilia ha aperto un'inchiesta sulla morte di una bimba di 3 anni, Maya, giunta all'ospedale Santa Maria ...
La Stampa, 05 Novembre 2016


Ospedale, 80 denunce l'anno

Una media di 75-80 denunce all’anno per sinistri ma non tutte però lieviteranno fino a diventare transazioni o conflitti davanti al giudice. Scontri a colpi di carte bollate che durano anche fino a dieci anni, dieci anni di stress da tribunale vissuto da un chirurgo che tutti i giorni va in sala operatoria a incidere col bisturi.
Il resto del carlino, 18 Maggio 2016


Indirizzo

Arcispedale Santa Maria Nuova

viale risorgimento, 80 - reggio nell'emilia (RE)
Contatta l'ospedale

I migliori ospedali nei dintorni per specializzazione in sifilide