Policlinico Sant'Orsola - Malpighi

7.1

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso ottima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è in rialzo.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.



Andamento del voto

21 Recensioni (non influenzano il voto)

Continue amnesie e ripetizione di concetti più volte nel breve periodo. C'è stato un sentimento generale di compassione e di volontà di aiutare la persona affetta da alzheimer cercando di essere disponibili, cordiali e di supportarla nei momenti difficili (ad esempio quanto si rendeva conto che non si ricordava qualcosa o si rendeva conto di avere ripetuto delle cose già dette) Visite specialistiche per conferma della patologia. Necessità di concentrare più attenzioni sulla persona affetta. Dover fare...Leggi tutta la storia
Frequento da più di un anno l''ambulatorio 11 dell''urologia del Sant''Orsola di Bologna in cui opera magistralmente l''infermiera Marina. Ad un primo impatto Marina può sembrare burbera e scostante ma basta conoscerla 10 minuti per capire che dietro questa corazza c''è una persona che professionalmente è un gigante ed è dotata di una umanità che raramente si trova. Insomma è la più brava, disponibile, umana, empatica infermiera del reoarto ambulatoriale del Sant''Orsola. Raramente si ha a che fare con persone così e devo dire che è stata una fortuna incontrarla. Grazie Marina.
Frequento da più di un anno l''ambulatorio 11 dell''urologia del Sant''Orsola di Bologna in cui opera magistralmente l''infermiera Marina. Ad un primo impatto Marina può sembrare burbera e scostante ma basta conoscerla 10 minuti per capire che dietro questa corazza c''è una persona che professionalmente è un gigante ed è dotata di una umanità che raramente si trova. Insomma è la più brava, disponibile, umana, empatica infermiera del reoarto ambulatoriale del Sant''Orsola. Raramente si ha a che fare con persone così e devo dire che è stata una fortuna incontrarla. Grazie Marina.
Riferito al reparto di UROLOGIA
Mio marito in attesa di intervento per la sostituzione della valvola aortica da tre mesi(era nella lista B) ha avuto uno scompenso con blocco renale e arresto cardiaco e il 29 09 2023 è deceduto! Ricoverato al Bellaria la prima volta in giugno e la seconda a settembre, purtroppo non ce l''ha fatta. Io penso che nel 2023 da nessuna parte! ma soprattutto a Bologna non si può morire perché non vieni operato in tempi brevi. Sono veramente arrabbiata. (Io sono una infermiera in pensione e mio marito era un MMG) Grazie alla sanità che è sempre peggio
Mio marito in attesa di intervento per la sostituzione della valvola aortica da tre mesi(era nella lista B) ha avuto uno scompenso con blocco renale e arresto cardiaco e il 29 09 2023 è deceduto! Ricoverato al Bellaria la prima volta in giugno e la seconda a settembre, purtroppo non ce l''ha fatta. Io penso che nel 2023 da nessuna parte! ma soprattutto a Bologna non si può morire perché non vieni operato in tempi brevi. Sono veramente arrabbiata. (Io sono una infermiera in pensione e mio marito era un MMG) Grazie alla sanità che è sempre peggio
Riferito al reparto di CARDIOCHIRURGIA
Vorrei ringraziare tutto lo staff (OSS, Infermieri, Specializzandi e Medici) del reparto di Ginecologia (Prof. Seracchioli) per la grande professionalità, la disponibilità e l''umanità dimostratami durante il mio recente ricovero.
La preparazione medica, unita alle parole sempre cordiali e ad un sorriso, contribuiscono sicuramente alla rapida guarigione che mi ha contraddistinto.
Trovare sicurezza in un momento in cui ti senti indifeso, solo e impotente, contribuisce a ridare fiducia nel genere umano.
Un particolare Grazie alla Dott.ssa Villa, al Dott. Giorgi che hanno eseguito la mia operazione in maniera impeccabile e a tutti gli Specializzandi e agli infermieri che mi hanno seguito nel post- intervento.
Vorrei ringraziare tutto lo staff (OSS, Infermieri, Specializzandi e Medici) del reparto di Ginecologia (Prof. Seracchioli) per la grande professionalità, la disponibilità e l''umanità dimostratami durante il mio recente ricovero.
La preparazione medica, unita alle parole sempre cordiali e ad un sorriso, contribuiscono sicuramente alla rapida guarigione che mi ha contraddistinto.
Trovare sicurezza in un momento in cui ti senti indifeso, solo e impotente, contribuisce a ridare fiducia nel genere umano.
Un particolare Grazie alla Dott.ssa Villa, al Dott. Giorgi che hanno eseguito la mia operazione in maniera impeccabile e a tutti gli Specializzandi e agli infermieri che mi hanno seguito nel post- intervento.
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
Ottimo reparto. Un plauso particolare alle dottoresse Elisabetta Nobili e Daria Maria Filippini per la competenza e professionalità!!!
Ottimo reparto. Un plauso particolare alle dottoresse Elisabetta Nobili e Daria Maria Filippini per la competenza e professionalità!!!
Riferito al reparto di ONCOLOGIA
Un ringraziamento speciale all ostetrica Silvia che ieri, domenica 4 settembre 2022,alle 5,47,ha fatto nascere il nostro vittorio. Molto professionale e preparata.
Grazie di vero cuore
Anche da parte del piccolo Vittorio
Un ringraziamento speciale all ostetrica Silvia che ieri, domenica 4 settembre 2022,alle 5,47,ha fatto nascere il nostro vittorio. Molto professionale e preparata.
Grazie di vero cuore
Anche da parte del piccolo Vittorio
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
Reparto ottimo medici bravi e competenti
Reparto ottimo medici bravi e competenti
Riferito al reparto di CHIRURGIA VASCOLARE
Niente da dire, se non giudizio assolutamente positivo su ogni aspetto, circa il personale infermieristico e oss. A tal proposito mi sembra doveroso esprimere la mia riconoscenza a tutti. Riguardo al personale medico, essendo un collega e avendo vissuto per la prima volta un''esperienza da paziente e avendo ascoltato gli altri ricoverati, mi sento di " consigliare " che quando si entra nelle stanze di degenza per le visite sarebbe plausibile, per prima cosa, che si saluti (non tutti lo fanno) e ci si presenti, poi che si ascolti il paziente con un minimo di empatia e partecipazione e forse anche di umiltà.
Niente da dire, se non giudizio assolutamente positivo su ogni aspetto, circa il personale infermieristico e oss. A tal proposito mi sembra doveroso esprimere la mia riconoscenza a tutti. Riguardo al personale medico, essendo un collega e avendo vissuto per la prima volta un''esperienza da paziente e avendo ascoltato gli altri ricoverati, mi sento di " consigliare " che quando si entra nelle stanze di degenza per le visite sarebbe plausibile, per prima cosa, che si saluti (non tutti lo fanno) e ci si presenti, poi che si ascolti il paziente con un minimo di empatia e partecipazione e forse anche di umiltà.
Riferito al reparto di UROLOGIA
Buongiorno, operata da più di un anno dal Prof. Presutti (la competenza e l''eccellenza) continuo periodicamente i controlli presso il reparto di O.R.L.. Ci sono Dottoresse preparate e gentili. Senza nulla togliere alle altre, un''attenzione particolare alla Dottoressa Giulia Molinari, Persona di grande umiltà, di elevata competenza e impagabile gentilezza. Le auguro tutto il bene possibile e tutti i riconoscimenti che merita. Rimanga sempre così su questa strada maestra. Grazie mille.
Buongiorno, operata da più di un anno dal Prof. Presutti (la competenza e l''eccellenza) continuo periodicamente i controlli presso il reparto di O.R.L.. Ci sono Dottoresse preparate e gentili. Senza nulla togliere alle altre, un''attenzione particolare alla Dottoressa Giulia Molinari, Persona di grande umiltà, di elevata competenza e impagabile gentilezza. Le auguro tutto il bene possibile e tutti i riconoscimenti che merita. Rimanga sempre così su questa strada maestra. Grazie mille.
Riferito al reparto di OTORINOLARINGOIATRIA
Pagamento MI prescrive il dottre farmaci nuovi xchè non sopporto nessuna statina Troppi crampi ogni giorno ,in seguito anche ad intervento(2010) alla schiena x rimozione ernia e stenosi non risolte x complicazioni di infezione e intolleranza o peggio allergia ai distanziometri in titanio Nonostante visite x avere pareri terapie alternative nessun risultato Il vivere perennemente col dolore ha contribuito all'' infarto da qui rapporti con cardiologi FATTA PREMESSA ,chiedo, OGNI SINTOMO NON DEVE ESSER MINIMIZZATO E FATTO PRESENTE AL MEDICO ? Il medico di base sempre più demanda allo specialista Tutto fa credere che i farmaci x ipercolesterolemia prescritti mi stanno dando problemi collaterali IN 2 mesi, provato ad intercettare Dottor Bracchetti o telefonicamente alla struttura dove visita privatamente ......con eco 250 euro): "faremo richiamare" NULLA . Inviate 3 mail, nessuna risposta Provi a sentire x visite altrove, sempre pagando da metà maggio possibilità CHE FAI? o "crepi" o vai al pronto soccorso Alla faccia che il mestiere di medico, come anche altri dovrebbe esser una missione
Pagamento MI prescrive il dottre farmaci nuovi xchè non sopporto nessuna statina Troppi crampi ogni giorno ,in seguito anche ad intervento(2010) alla schiena x rimozione ernia e stenosi non risolte x complicazioni di infezione e intolleranza o peggio allergia ai distanziometri in titanio Nonostante visite x avere pareri terapie alternative nessun risultato Il vivere perennemente col dolore ha contribuito all'' infarto da qui rapporti con cardiologi FATTA PREMESSA ,chiedo, OGNI SINTOMO NON DEVE ESSER MINIMIZZATO E FATTO PRESENTE AL MEDICO ? Il medico di base sempre più demanda allo specialista Tutto fa credere che i farmaci x ipercolesterolemia prescritti mi stanno dando problemi collaterali IN 2 mesi, provato ad intercettare Dottor Bracchetti o telefonicamente alla struttura dove visita privatamente ......con eco 250 euro): "faremo richiamare" NULLA . Inviate 3 mail, nessuna risposta Provi a sentire x visite altrove, sempre pagando da metà maggio possibilità CHE FAI? o "crepi" o vai al pronto soccorso Alla faccia che il mestiere di medico, come anche altri dovrebbe esser una missione
Riferito al reparto di CARDIOLOGIA
Assolutamente PESSIMO lotto dal 2012 col gli errori fatti. "operato" dal "Prof" POGGIOLI ....umanità sotto zero , professionalità discutibile, rimandato a casa in condizioni pessime, contatti inesistenti ...nonostante le costosissime visite!....
"perdete ogni speranza o voi che entrate"....
Assolutamente PESSIMO lotto dal 2012 col gli errori fatti. "operato" dal "Prof" POGGIOLI ....umanità sotto zero , professionalità discutibile, rimandato a casa in condizioni pessime, contatti inesistenti ...nonostante le costosissime visite!....
"perdete ogni speranza o voi che entrate"....
Riferito al reparto di CHIRURGIA GENERALE
Ho avuto una brutta esperienza all''accettazione del pronto soccorso generale, assegnato un codice verde a mio padre a rischio setticemia con febbre e cancrena piede.Assurdo.
Ho avuto una brutta esperienza all''accettazione del pronto soccorso generale, assegnato un codice verde a mio padre a rischio setticemia con febbre e cancrena piede.Assurdo.
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Mese di agosto: mese peggiore per aver bisogno dell’ospedale…mi ritengo però fortunata nella sfortuna di averne avuto bisogno.
Non mi soffermo sull’organizzazione del personale vario (preferisco sorvolare) perché le mie 5 stelle sono tutte solo ed esclusivamente per la dottoressa Giulia MOLINARI: quando si dice un angelo pronto ad intervenire anche oltre il proprio lavoro; oltre a ringraziarla per la sua professionalità, preparazione e competenza, le sarò eternamente grata per la sua grande umanità, gentilezza, cortesia, pazienza e disponibilità…continui così dottoressa perché il mondo ha bisogno di dottori come lei che si comportino con i pazienti non come “io sono io e tu sei un caso, un numero” ma come “di cosa avrei bisogno in questo momento se mi trovassi al suo posto”…proprio come ha fatto lei con me.
GRAZIE infinite dott.ssa Molinari e la prego non cambi mai ma continui ad essere il medico professionista e cordiale che è, sempre col sorriso e mai con l’aria scocciata propria di taluni che pensano che le persone non abbiano altro da fare se non presentarsi in ospedale il mese di agosto. Le confermo la mia stima e le auguro una bellissima carriera.
Spero che il dirigente di reparto sappia quale grande professionista/persona operi nel reparto che gestisce.
Vincenza Petrocelli
Mese di agosto: mese peggiore per aver bisogno dell’ospedale…mi ritengo però fortunata nella sfortuna di averne avuto bisogno.
Non mi soffermo sull’organizzazione del personale vario (preferisco sorvolare) perché le mie 5 stelle sono tutte solo ed esclusivamente per la dottoressa Giulia MOLINARI: quando si dice un angelo pronto ad intervenire anche oltre il proprio lavoro; oltre a ringraziarla per la sua professionalità, preparazione e competenza, le sarò eternamente grata per la sua grande umanità, gentilezza, cortesia, pazienza e disponibilità…continui così dottoressa perché il mondo ha bisogno di dottori come lei che si comportino con i pazienti non come “io sono io e tu sei un caso, un numero” ma come “di cosa avrei bisogno in questo momento se mi trovassi al suo posto”…proprio come ha fatto lei con me.
GRAZIE infinite dott.ssa Molinari e la prego non cambi mai ma continui ad essere il medico professionista e cordiale che è, sempre col sorriso e mai con l’aria scocciata propria di taluni che pensano che le persone non abbiano altro da fare se non presentarsi in ospedale il mese di agosto. Le confermo la mia stima e le auguro una bellissima carriera.
Spero che il dirigente di reparto sappia quale grande professionista/persona operi nel reparto che gestisce.
Vincenza Petrocelli
Riferito al reparto di OTORINOLARINGOIATRIA
Ho avuto modo di visitare e purtroppo frequentare il padiglione N.5 terapia intensiva dell ospedale s.orsola di bologna ,personale arrogante e Soprattutto medici incompetenti e disumani.

@

Ho avuto modo di visitare e purtroppo frequentare il padiglione N.5 terapia intensiva dell ospedale s.orsola di bologna ,personale arrogante e Soprattutto medici incompetenti e disumani.
Riferito al reparto di UNITA` CORONARICA
Fate schifo.invece di guarire i pazienti li fate morire.
Complimenti.

@

Fate schifo.invece di guarire i pazienti li fate morire.
Complimenti.
Riferito al reparto di TERAPIA INTENSIVA
Da denunciare, hanno fatto andare mia mamma in condizioni critiche per dei mesi facendo 3 ore di macchina senza fare un ricovero immediato, per finire che non hanno accettato il trapianto e dopo ben poco e'' stata accettata e ricoveravata immediamente da un altro centro per eccellenza di trapianti. vergognoso da denuncia
Da denunciare, hanno fatto andare mia mamma in condizioni critiche per dei mesi facendo 3 ore di macchina senza fare un ricovero immediato, per finire che non hanno accettato il trapianto e dopo ben poco e'' stata accettata e ricoveravata immediamente da un altro centro per eccellenza di trapianti. vergognoso da denuncia
Riferito al reparto di NEFROLOGIA (ABILITAZIONE AL TRAPIANTO)
Da denuncia, da bollettino sul giornale,non hanno accettato una persona completamente idonea al trapianto facendo passare mesi e mesi per poi portarla in un altro centro specializzato prendendola immediatamente.
Da denuncia, da bollettino sul giornale,non hanno accettato una persona completamente idonea al trapianto facendo passare mesi e mesi per poi portarla in un altro centro specializzato prendendola immediatamente.
Riferito al reparto di NEFROLOGIA (ABILITAZIONE AL TRAPIANTO)
Sono stato operato di prostoctomia il 12settembre 2o19 dal dottore Dababnen ( non so se si scrive così) comunque ottimo dottore tutto andato BENE Ģrazie dottore
Sono stato operato di prostoctomia il 12settembre 2o19 dal dottore Dababnen ( non so se si scrive così) comunque ottimo dottore tutto andato BENE Ģrazie dottore
Riferito al reparto di UROLOGIA
Oggi ho fatto l istero scopia all ambulatorio 47 avendola già fatta ero un po preoccupata per il dolore avendola fatta precedentemente in un altra struttura invece niente dolore sono stati veramente molto bravi sia a livello umano che per l esame svolto se avete avuto brutte esperienze precedentemente a fare l istero scopia e avete paura di rifarla affidatevi a loro credetemi non evitate di fare l esame o di sottoporvi ad anestesia andate da loro che con la loro competenza non vi fanno sentire minimamente dolore vi ringrazio tanto veramente siete fantastici
Oggi ho fatto l istero scopia all ambulatorio 47 avendola già fatta ero un po preoccupata per il dolore avendola fatta precedentemente in un altra struttura invece niente dolore sono stati veramente molto bravi sia a livello umano che per l esame svolto se avete avuto brutte esperienze precedentemente a fare l istero scopia e avete paura di rifarla affidatevi a loro credetemi non evitate di fare l esame o di sottoporvi ad anestesia andate da loro che con la loro competenza non vi fanno sentire minimamente dolore vi ringrazio tanto veramente siete fantastici
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA
Buongiorno,volevo far notare il comportamento scorretto della dottoressa Piccinini Anna Rita verso mia madre che si è presentata al pronto soccorso oculistico per un forte problema di diplopia La dottoressa le ha fatto innanzitutto notare di non intasare i pronto soccorso per questi motivi Sarebbe bastato secondo lei andare a fare una visita presso un ambulatorio privatoL'' atteggiamento maleducato non è cambiato anche dopo che le era stato detto che il pronto soccorso ci era stato consigliato dal medico specialista che per l''agenda piena non poteva visitarla nell''immediato Mia madre dopo che ha rischiato di essere investita da un bus l''altra mattina ho voluto io stesso insistere perché si facesse vedere e capire se c''è un problema meccanico all''occhio dopo una recente operazione di cataratta.vorrei tanto capire dalla dottoressa Piccinini se sua madre l''avessero trattata così che cosa penserebbe di certi Medici.Grazie
Buongiorno,volevo far notare il comportamento scorretto della dottoressa Piccinini Anna Rita verso mia madre che si è presentata al pronto soccorso oculistico per un forte problema di diplopia La dottoressa le ha fatto innanzitutto notare di non intasare i pronto soccorso per questi motivi Sarebbe bastato secondo lei andare a fare una visita presso un ambulatorio privatoL'' atteggiamento maleducato non è cambiato anche dopo che le era stato detto che il pronto soccorso ci era stato consigliato dal medico specialista che per l''agenda piena non poteva visitarla nell''immediato Mia madre dopo che ha rischiato di essere investita da un bus l''altra mattina ho voluto io stesso insistere perché si facesse vedere e capire se c''è un problema meccanico all''occhio dopo una recente operazione di cataratta.vorrei tanto capire dalla dottoressa Piccinini se sua madre l''avessero trattata così che cosa penserebbe di certi Medici.Grazie
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO
Buongiorno,volevo far notare il comportamento scorretto della dottoressa Piccinini Anna Rita verso mia madre che si è presentata al pronto soccorso oculistico per un forte problema di diplopia La dottoressa le ha fatto innanzitutto notare di non intasare i pronto soccorso per questi motivi Sarebbe bastato secondo lei andare a fare una visita presso un ambulatorio privatoL'' atteggiamento maleducato non è cambiato anche dopo che le era stato detto che il pronto soccorso ci era stato consigliato dal medico specialista che per l''agenda piena non poteva visitarla nell''immediato Mia madre dopo che ha rischiato di essere investita da un bus l''altra mattina ho voluto io stesso insistere perché si facesse vedere e capire se c''è un problema meccanico all''occhio dopo una recente operazione di cataratta.vorrei tanto capire dalla dottoressa Piccinini se sua madre l''avessero trattata così che cosa penserebbe di certi Medici.Grazie
Buongiorno,volevo far notare il comportamento scorretto della dottoressa Piccinini Anna Rita verso mia madre che si è presentata al pronto soccorso oculistico per un forte problema di diplopia La dottoressa le ha fatto innanzitutto notare di non intasare i pronto soccorso per questi motivi Sarebbe bastato secondo lei andare a fare una visita presso un ambulatorio privatoL'' atteggiamento maleducato non è cambiato anche dopo che le era stato detto che il pronto soccorso ci era stato consigliato dal medico specialista che per l''agenda piena non poteva visitarla nell''immediato Mia madre dopo che ha rischiato di essere investita da un bus l''altra mattina ho voluto io stesso insistere perché si facesse vedere e capire se c''è un problema meccanico all''occhio dopo una recente operazione di cataratta.vorrei tanto capire dalla dottoressa Piccinini se sua madre l''avessero trattata così che cosa penserebbe di certi Medici.Grazie
Riferito al reparto di PRONTO SOCCORSO

Specializzazione

7.1

Specializzazione in tripanosomiasi africana


La tripanosomiasi africana o malattia del sonno, è una malattia parassitica che colpisce sia gli esseri umani che sia animali. È una malattia causata da un parassita della specie Tripanosoma brucei. I tipi che colpiscono gli esseri umani sono due: il Tripanosomiasi brucei gambiense o T.b.g. e il Tripanosomiasi brucei rhodesiense o T.b.r. Il T.b.g. provoca oltre il 98% dei casi riportati. Entrambi vengono di solito trasmessi dal morso di una mosca tsetse che si trova soprattutto nelle zone rurali. Inizialmente durante il primo stadio della malattia si riscontrano: febbre, mal di testa, prurito e dolori articolari. Tali sintomi si presentano da una a tre settimane dopo il morso. Durante le settimane e i mesi seguenti ha inizio il secondo stadio della malattia con confusione, mancanza di coordinamento, torpore e insonnia. La diagnosi viene effettuata tramite il riscontro del parassita in una strisciata di sangue o nel fluido di un nodo linfatico. Di solito è necessario effettuare una puntura lombare per distinguere tra il primo e il secondo stadio della malattia. Per la prevenzione di malattie gravi è necessario effettuare controlli sulla popolazione a rischio con esami del sangue per il T.b.g. Il trattamento della malattia è più semplice se viene diagnosticata in tempo, prima dell'insorgere di sintomi neurologici. Il trattamento del primo stadio viene effettuato con i farmaci Pentamidine o Suramin. Il trattamento del secondo stadio include l'utilizzo di Eflornithine o una combinazione di Nifurtimox e Eflornithine per il T.b.g Mentre Melarsoprol funziona per entrambi e viene tipicamente utilizzato soltanto per il T.b.r. a causa dei gravi effetti collaterali. La malattia viene regolarmente diagnosticata in alcune regioni dell'Africa sub-Sahariana e la popolazione a rischio è di circa 70 milioni in 36 paesi. Nel 2010, ha causato circa 9.000 morti, un numero inferiore a quello del 1990 con 34.000 morti. Si stima che le persone attualmente infette siano 30.000, con 7.000 nuovi casi nel 2012. Oltre l'80% dei casi viene registrato nella Repubblica Democratica del Congo. Le tre più grandi epidemie si sono verificate nella storia recente: una dal 1896 al 1906, principalmente in Uganda e nel Bacino del Congo, e due nel 1920 e nel 1970 in un gran numero di paesi africani. Altri animali, come le mucche, possono portare la malattia e infettarsi. Esistono due varianti di TAU: la TAU occidentale, è provocata dalla sottospecie Tripanosoma brucei gambiense ed è diffusa nell'Africa Occidentale e Centrale, tra il Senegal a nord, l'Angola a sud e il Lago Vittoria a est. Viene anche detta malattia del sonno cronica, dato che lo sviluppo della malattia può durare anche alcuni anni, ed è trasmessa da una mosca del genere Glossina, specie palpalis. la TAU orientale è provocata dalla sottospecie Tripanosoma brucei rhodesiense ed è diffusa nell'Africa sud-orientale. Viene anche detta malattia del sonno subacuta perché l'intero decorso della malattia dura alcune settimane o mesi, a volte anche solo 6-7 giorni, ed è trasmessa dalla mosca Glossina morsitans. Comunemente queste glossine vengono indicate con il nome di mosca tse-tse. Quando la mosca punge un soggetto già infetto diventa a sua volta infetta, e può trasmettere la malattia ad altri soggetti. Ogni anno vengono segnalati circa 40.000 nuovi casi, ma il numero reale di casi dovrebbe aggirarsi in realtà intorno ai 300.000 annui. Si stima che il numero dei decessi annui si aggiri intorno ai 66.000 casi (dati OMS del 2003). Lo scarso interesse per questa malattia da parte della comunità internazionale fa sì che i casi vengono ancora oggi trattati con farmaci sviluppati a metà del secolo scorso, come Pentamide, Suramina e Melarsoprol. Questi medicinali presentano gravi effetti collaterali e scarsa efficacia terapeutica. Sono stati sviluppati più recentemente nuovi farmaci, ancora troppo cari e comunque non abbastanza efficaci, per esempio l'Eflornitina. Inoltre manca una strategia efficace per il controllo della mosca responsabile della trasmissione. In passato la malattia fu efficacemente controllata, tanto che tra il 1960 ed il 1965 fu considerata "quasi scomparsa". Attualmente è ancora in corso un'epidemia che si considera iniziata al principio degli anni settanta (dato OMS 2003).


Perché questo voto?

La ottima valutazione per la specializzazione in tripanosomiasi africana deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta un numero medio di pazienti con questa patologia, i reparti in cui li cura risultano essere buoni, con valutazione superiore alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 8.9 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

Indirizzo

Policlinico Sant'Orsola - Malpighi

via albertoni, 15 - bologna (BO)
Contatta l'ospedale

L'innovazione di oggi,la salute di domani

Il podcast dedicato ai professionisti del mondo della salute

Le scoperte che trasformeranno il mondo della salute.
Scoperte che faranno parte davvero del nostro domani, selezionate da Thatmorning e raccontate da Daniela Faggion, che in ogni puntata dà voce alle eccellenze italiane in prima persona.