AOUP - Azienda Ospedaliera Università Pisana - Cisanello

6.1

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso ottima e nell'ultimo periodo la sua valutazione è in rialzo.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.




Andamento del voto

3 Recensioni (non influenzano il voto)

La storia di Mauro: Tumore maligno del retto

Nel maggio del 2102 ero infastidito da una strana febbre e notai anche la presenza di sangue nelle feci. Tempo prima, un tumore al retto si era portato via mia madre, così feci dei controlli. Il responso della colonscopia fu subito chiaro: adenocarcinoma dell'ampolla rettale. Per vincere una gara ci vogliono allenamento, disciplina e determinazione. Costa fatica, ma la soddisfazione di avercela fatta ripaga di tutto. È una sensazione che ho provato più volte nella mia carriera di canottiere indoor, quando...Leggi tutta la storia
AOUP - Azienda Ospedaliera Università Pisana - Cisanello
Operata dal Dott. Gabriele Naldini.
Staff, dagli infermieri al Dott. Naldini, professionalità e gentilezza. Disponibilità all''ascolto, serietà e pazienza. Mi sono trovata bene anche con l''assistente per il post operatorio. Struttura nuova e ben tenuta.
Mai successa tanta gentilezza e disponibilità come in "certi" ospedali fiorentini.
Mi sono rivolta con grande speranza e ovviamente spero di non doversi tornare.
Operata dal Dott. Gabriele Naldini.
Staff, dagli infermieri al Dott. Naldini, professionalità e gentilezza. Disponibilità all''ascolto, serietà e pazienza. Mi sono trovata bene anche con l''assistente per il post operatorio. Struttura nuova e ben tenuta.
Mai successa tanta gentilezza e disponibilità come in "certi" ospedali fiorentini.
Mi sono rivolta con grande speranza e ovviamente spero di non doversi tornare.
Riferito al reparto di CHIRURGIA GENERALE
AOUP - Azienda Ospedaliera Università Pisana - Cisanello
Operata in laparoscopia, il giorno dopo dimessa, nessuna complicazione. Ottima esperienza
Operata in laparoscopia, il giorno dopo dimessa, nessuna complicazione. Ottima esperienza
Riferito al reparto di CHIRURGIA GENERALE

Specializzazione

6.1

Specializzazione in pellagra


La pellagra è una malattia causata dalla carenza o dal mancato assorbimento di vitamine del gruppo B, niacina (vitamina PP), o di triptofano, amminoacido necessario per la sua sintesi. Questa vitamina è presente in genere nei prodotti freschi: latte, verdure, cereali. È una patologia frequente tra le popolazioni che facevano esclusivo uso della polenta di sorgo o di mais come loro alimento base. Colpisce principalmente persone affette da un sistema alimentare fortemente squilibrato, fattori concorrenti sono stati disturbi gastrointestinali o alcolismo cronico, che pure interferiscono con l'assorbimento e l'assimilazione della vitamina. Anche il mais o il sorgo possiedono questa vitamina, in una forma che però non può essere assorbita dall'intestino di mammiferi non ruminanti, se non dopo un trattamento con alcali, ad esempio la nixtamalizzazione, impiegata nella preparazione del Pozol e della farina per le tortillas. Sembra che sia stata inizialmente identificata in Spagna (dove prese il nome di mal de la rosa) dal medico Gaspar Casal Julián, nel 1735. Era spesso scambiata per lebbra. Negli Stati Uniti d'America venne identificata con certezza a partire dal 1907, ma diversi dati suggeriscono che la malattia si era già manifestata negli anni venti del XIX secolo. Fra il XVIII ed il XIX secolo ha colpito duramente le popolazioni delle zone rurali del nord Italia e in particolare quelle più povere del Veneto orientale e del Friuli.


Perché questo voto?

La buona valutazione per la specializzazione in pellagra deriva in primo luogo dal fatto che questa struttura tratta pochi pazienti con questa patologia, tuttavia i reparti in cui li cura risultano essere ottimi, con valutazione molto superiore alla media nazionale.


Perché il voto cambia?
Il voto generale di questo ospedale è 9.1 ed è la media della specializzazione in ciascuna patologia. Il voto diventa più preciso quando si analizza una patologia perché è possibile raffinare la valutazione con alcuni parametri aggiuntivi, quali ad esempio il numero di casi trattati e gli esiti degli interventi per la patologia ricercata.
Viene inoltre valutata la completezza dell'offerta all'interno dell'ospedale: ad esempio valutiamo positivamente la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale a fianco al reparto di ostetricia e ginecologia, poichè la struttura è attrezzata per gestire eventuali complicazioni.

Trova gli ospedali più specializzati nella cura di questa patologia


Cerca un'altra patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

News

Neonata muore in ospedale, era ricoverata per un problema ... - Pisa

La piccola aveva appena un mese. Probabile l'autopsia.
La nazione, 29 Ottobre 2017


Ansia per Niki Giustini: grave in ospedale -

Pisa, 11 dicembre 2016 - Ansia per Niki Giustini ricoverato in condizioni stazionarie all'ospedale Cisanello di Pisa. L'artista da sei giorni si ...
La nazione, 11 Dicembre 2016


Nuovo caso in città in coma una 70enne

Ogni volta ci sorprende, ci illude che si sia arrestata e poi ricompare. L’ultimo caso si era registrato circa un mese fa (il 29 marzo) a Santa Croce sull’Arno. Si era ammalata una donna di 58 anni. Da ieri, ricoverata nella rianimazione del pronto soccorso di Cisanello, c’è una donna di 70. Le analisi hanno confermato dopo poche ore: si tratta di meningite C.
Il Tirreno, 25 Aprile 2016


Diabetica, attraversa l’Italia in bici Monitorata dagli specialisti pisani

In bici da Gemona del Friuli a Lampedusa contro lo stigma. È questa l’impresa di Mila Brollo, per la rete Mila Vagante, 58 anni, diabetica, madre di tre figli. Il 1° aprile è partita dal Friuli per il suo viaggio in sella a una bici a pedalata riabilitativa e assistita con l’obiettivo di percorrere più di 2mila km in circa due mesi.
La nazione, 18 Aprile 2016


Risiko dei super primari, saltano tre big

Tre big della sanità sostituiti, nuovi super primari indicati dal rettore a un passo dalla sua uscita di scena e l’architettura del policlinico rivoluzionata con fusioni, tagli a vecchie strutture di vertice e la creazione di nuove. In corsia, fra gli addetti ai lavori, non è passata inosservata.
Il Tirreno, 17 Aprile 2016


Tumori, nuova tecnica a Cisanello per rimuoverli

Un uomo di 62 anni colpito da una rara forma tumorale, la carcinosi del peritoneo, cioè della membrana sottile e quasi trasparente che riveste l'intera cavità addominale, è stato operato da un'équipe dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana guidata da Piero Lippolis che ha utilizzato una tecnica particolarmente complessa: il trattamento multimodale seguito da chemioterapia ipertermica intraperitoneale.
Il Tirreno, 12 Aprile 2016


Cancro del peritoneo, rivoluzionario intervento a Pisa

Un uomo di 62 anni colpito da una rara forma tumorale, la carcinosi del peritoneo, cioè della membrana sottile e quasi trasparente che riveste l'intera cavità addominale, è stato operato da un'équipe dell'Aoup guidata dal dottor Piero Lippolis che ha utilizzato una tecnica particolarmente complessa: il trattamento multimodale seguito da chemioterapia ipertermica intraperitoneale.
La nazione, 12 Aprile 2016


Soldi per saltare le liste di attesa: medici arrestati

Rientra in pieno anche la sanità pisana nell’inchiesta della Procura di Salerno su presunti pagamenti - da 1.500 a 6mila euro - ricevuti da alcuni medici da pazienti che così sarebbero riusciti a saltare le lunghe liste di attesa per delicati interventi di natura neurochirurgica.
La nazione, 05 Aprile 2016


«Visite ed esami in due-tre giorni: addio alle attese»

Sarà difficile ma ci proveremo. Una delle nostre grandi sfide sarà abbattere le liste di attesa di visite ed esami diagnostici. Entro la fine dell’anno il nostro compito sarà quello di costruire una rete di ambulatori e medici capaci di fornire diagnosi di primo livello a massimo 72 ore dalla prenotazione e la chiave sarà il rapporto con il territorio, la filiera corta della salute.
Il Tirreno, 18 Marzo 2016


Cannabis contro il dolore, tra speranze e polemiche

Dopo le speranze e le recenti polemiche, si riapre il dibattito sulla cannabis. No alla Sla, sì al dolore. Ubaldo Bonuccelli e Paolo Poli fanno il punto della situazione. È necessaria una sperimentazione con altri Paesi. Per ora non esistono prove scientifiche certe che la cura con la cannabis possa dare effetti efficaci sulla Sla, la sclerosi laterale amiotrofica. Ubaldo Bonuccelli, direttore dell’unità operativa di Neurologia all’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, mette fine almeno per il momento alle notizie recenti che parlavano di risultati confortanti sugli animali da laboratorio, circa il rallentamento del decorso clinico.
Il Tirreno, 07 Marzo 2016


Indirizzo

AOUP - Azienda Ospedaliera Università Pisana - Cisanello

via paradisa, 2 - pisa (PI)
Contatta l'ospedale